A contatto con la natura: benessere per mente e corpo

Una sola semplice regola per migliorare il nostro benessere fisico e mentale: basta trascorrere due ore a settimana a contatto con la natura.

"E ovunque questa nostra vita, via dalla folla, trova lingue negli alberi, libri nei ruscelli, prediche nelle pietre e ovunque il bene".

William Shakespeare descriveva così gli effetti positivi del contatto con la natura. Prima di lui i filosofi e dopo di lui gli scienziati hanno sottolineato i benefici per il corpo e per la mente che derivano dal trascorrere del tempo lontano dal caos delle città. Lo stress diminuisce, l'umore migliora e il sistema immunitario ne esce rafforzato.

Ma quanto tempo bisogna trascorrere in un bosco perché si avvertano questi benefici? Bisogna necessariamente diventare abili scalatori o basta la semplice contemplazione di un paesaggio? Siamo tutti propensi a stare meglio a contatto con la natura?

Natura e salute: benessere fisico e mentale per tutti

Un recente studio condotto alla University of Exeter Medical School e pubblicato sulla rivista Scientific Report ha finalmente fatto chiarezza sul rapporto tra uomo e natura.

L'indagine, condotta in Inghilterra su 20mila persone, ha confermato che trascorrere due ore a settimana immersi in un paesaggio naturale apporta indiscutibili benefici rispetto a chi, al contrario, resta chiuso in casa o in ufficio.

Stress e malessere fisico risultavano sensibilmente più frequenti nel gruppo di soggetti che, durante l'indagine, avevano trascorso poco tempo a contatto con la natura.

Poiché l'indagine è stata condotta su un campione molto vasto della popolazione, i ricercatori, guidati dal dott. Mat White, sono giunti alla conclusione che trascorrere del tempo a contatto con la natura apporta benefici indipendentemente da sesso, età, condizione sociale, etnia, professione e malattie in corso.

[Leggi anche: il segreto degli ultracentenari, mangiare poco e sorridere alla vita]

Due ore a settimana a contatto con la natura e il benessere è garantito. Ecco alcune indicazioni.

Secondo i ricercatori:

  • è necessario organizzare gli impegni settimanali in modo da ritagliarsi del tempo da trascorrere in un ambiente naturale; due ore complessive da dilazionare in sette giorni secondo le nostre esigenze;
  • non è indispensabile svolgere un'attività fisica, gli stessi risultati sono stati ottenuti attraverso la semplice contemplazione di un ambiente naturale;
  • boschi, pianure o parchi verdi in città non fa differenza: l'importante è allontanarsi dallo stress e dalla routine.
  • eccedere con il tempo non sembra giovare di più: oltre due ore non si riscontrano benefici ulteriori.

La ricerca evidenzia che l'elemento determinante è la natura stessa. Non è chiaro infatti quali siano i fattori che determinano una differenza così notevole tra chi trascorre del tempo a contatto con la natura e chi invece se ne priva.

Niente scuse, quindi, per chi è pigro o non ha tempo: due ore a settimana senza ulteriori impegni sono davvero alla portata di tutti!

[Ti consiglio anche: preoccuparsi fa bene alla salute]

Ref: Mathew P. White, Ian Alcock, James Grellier, Benedict W. Wheeler, Terry Hartig, Sara L. Warber, Angie Bone, Michael H. Depledge, Lora E. Fleming. Spending at least 120 minutes a week in nature is associated with good health and wellbeing. Scientific Reports, 2019; 9 (1)

Preoccuparsi fa bene alla salute

Preoccuparsi fa bene alla salute

Una buona dose di preoccupazione ci rende attenti alla salute, mitiga le emozioni negative e migliora il successo in ambito lavorativo e scolastico.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo? Quanti calcoli possiamo fare? Scopriamo i numeri delle sinapsi cerebrali che rendono il cervello più potente di qualsiasi computer.

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

L’invecchiamento cerebrale si combatte in anticipo: sin da bambini è possibile potenziare il cervello aumentando lo spessore della corteccia cerebrale.

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore è una malattia che nasce dalle nostre cellule: mutazioni genetiche nel DNA rendono i nostri geni (oncogeni e oncosoppressori) alleati del cancro.

Quando le diete non funzionano

Quando le diete non funzionano

Come perdere peso in maniera efficace e consapevole: secondo i ricercatori le diete dimagranti vanno personalizzate in base al microbiota del paziente.

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco aumenta il rischio di obesità nei bambini piccoli: poche ore di sonno in meno e il consumo di calorie aumenta del 20% in un giorno solo.

I segnali dell'attrazione: il volto

I segnali dell'attrazione: il volto

Il volto è in grado di manifestare attrazione e seduzione nella comunicazione subliminale. Le labbra giocano un ruolo importante soprattutto per le donne.

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile, di S. Moalem, è un libro innovativo e commovente che scardina le convinzioni della genetica e dona dignità alle malattie rare.