A contatto con la natura: benessere per mente e corpo

Una sola semplice regola per migliorare il nostro benessere fisico e mentale: basta trascorrere due ore a settimana a contatto con la natura.

"E ovunque questa nostra vita, via dalla folla, trova lingue negli alberi, libri nei ruscelli, prediche nelle pietre e ovunque il bene".

William Shakespeare descriveva così gli effetti positivi del contatto con la natura. Prima di lui i filosofi e dopo di lui gli scienziati hanno sottolineato i benefici per il corpo e per la mente che derivano dal trascorrere del tempo lontano dal caos delle città. Lo stress diminuisce, l'umore migliora e il sistema immunitario ne esce rafforzato.

Ma quanto tempo bisogna trascorrere in un bosco perché si avvertano questi benefici? Bisogna necessariamente diventare abili scalatori o basta la semplice contemplazione di un paesaggio? Siamo tutti propensi a stare meglio a contatto con la natura?

Natura e salute: benessere fisico e mentale per tutti

Un recente studio condotto alla University of Exeter Medical School e pubblicato sulla rivista Scientific Report ha finalmente fatto chiarezza sul rapporto tra uomo e natura.

L'indagine, condotta in Inghilterra su 20mila persone, ha confermato che trascorrere due ore a settimana immersi in un paesaggio naturale apporta indiscutibili benefici rispetto a chi, al contrario, resta chiuso in casa o in ufficio.

Stress e malessere fisico risultavano sensibilmente più frequenti nel gruppo di soggetti che, durante l'indagine, avevano trascorso poco tempo a contatto con la natura.

Poiché l'indagine è stata condotta su un campione molto vasto della popolazione, i ricercatori, guidati dal dott. Mat White, sono giunti alla conclusione che trascorrere del tempo a contatto con la natura apporta benefici indipendentemente da sesso, età, condizione sociale, etnia, professione e malattie in corso.

[Leggi anche: il segreto degli ultracentenari, mangiare poco e sorridere alla vita]

Due ore a settimana a contatto con la natura e il benessere è garantito. Ecco alcune indicazioni.

Secondo i ricercatori:

  • è necessario organizzare gli impegni settimanali in modo da ritagliarsi del tempo da trascorrere in un ambiente naturale; due ore complessive da dilazionare in sette giorni secondo le nostre esigenze;
  • non è indispensabile svolgere un'attività fisica, gli stessi risultati sono stati ottenuti attraverso la semplice contemplazione di un ambiente naturale;
  • boschi, pianure o parchi verdi in città non fa differenza: l'importante è allontanarsi dallo stress e dalla routine.
  • eccedere con il tempo non sembra giovare di più: oltre due ore non si riscontrano benefici ulteriori.

La ricerca evidenzia che l'elemento determinante è la natura stessa. Non è chiaro infatti quali siano i fattori che determinano una differenza così notevole tra chi trascorre del tempo a contatto con la natura e chi invece se ne priva.

Niente scuse, quindi, per chi è pigro o non ha tempo: due ore a settimana senza ulteriori impegni sono davvero alla portata di tutti!

[Ti consiglio anche: preoccuparsi fa bene alla salute]

Ref: Mathew P. White, Ian Alcock, James Grellier, Benedict W. Wheeler, Terry Hartig, Sara L. Warber, Angie Bone, Michael H. Depledge, Lora E. Fleming. Spending at least 120 minutes a week in nature is associated with good health and wellbeing. Scientific Reports, 2019; 9 (1)

Stress: di padre in figlio

Stress: di padre in figlio

Lo stress si trasmette di padre in figlio: il DNA di topi maschi stressati influenza l’espressione genica nei cuccioli che risultano più ansiosi e depressi.

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Nuove speranze per l’Alzheimer: il trapianto di cellule staminali neurali da cervello giovane a cervello invecchiato potrebbe rallentare il declino cognitivo.

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

quanto saremo intelligenti da vecchi

L’invecchiamento cerebrale si combatte in anticipo: sin da bambini è possibile potenziare il cervello aumentando lo spessore della corteccia cerebrale.

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Raffaele Morelli, noto psicoterapeuta e psichiatra italiano, è l'autore del saggio "Solo la mente può bruciare i grassi" edito da Mondadori nel 2016.

L'amore parte dal cervello

L'amore parte dal cervello

Innamorarsi parte dal cervello: la scintilla dell'amore impiega solo duecento millisecondi ad attivare le reazioni che sconvolgono dentro di noi mente e cuore.

Potenziare la memoria nei bambini

Potenziare la memoria nei bambini

L'apprendimento dei bambini può essere allenato attraverso l'uso di esercizi intensivi che migliorano non solo la memoria ma tutte le abilità del cervello.

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore è una malattia che nasce dalle nostre cellule: mutazioni genetiche nel DNA rendono i nostri geni (oncogeni e oncosoppressori) alleati del cancro.

Mordersi le labbra

mordersi le labbra

Nel linguaggio del corpo, mordersi le labbra indica aggressività. 

Giovani alla guida: il corpo striato regola gli atteggiamenti rischiosi - come rimediare

Giovani alla guida: il corpo striato regola gli atteggiamenti rischiosi

Giovani alla guida: la presenza di un adulto nei primi mesi al volante “modella” l’azione del corpo striato nel cervello e abitua a una guida più prudente.

Istinto: quanto ci influenza

Istinto: quanto ci influenza

Voglia di schiaffeggiare qualcuno e farfalle nello stomaco se siamo innamorati: cosa succede al nostro cervello quando l'istinto prende il sopravvento?