Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

 La dieta è l'incubo che si ripresenta con puntualità a ogni primavera in vista della prova costume e dopo lunghi periodi di abbuffate come le feste natalizie e pasquali. A volte avere qualche chilo in più è un bene, ad esempio a cinquant'anni un girovita non proprio perfetto predice una buona qualità dell'invecchiamento, ma è sempre meglio tenere il peso sotto controllo.

In realtà più che affidarsi a ricette estreme che eliminano quasi tutti gli alimenti dalla nostra tavola, sarebbe meglio seguire una dieta costante tutto l'anno. I consigli per un'alimentazione sana sono noti a tutti – bere molta acqua, mangiare verdura e frutta ogni giorno, ridurre l'apporto di zuccheri e grassi – ma questo non basta.

[Per approfondire: 50 anni e in sovrappeso – il segreto per vivere di più]

L'ambito di salute alimentare è molto ampio e spesso, anche in assenza di malattie metaboliche e conducendo un stile di vita attivo, il peso non diminuisce. Alcuni studi hanno spiegato perché le diete a volte falliscono: esiste un'importante correlazione tra gli alimenti che assumiamo e i microorganismi presenti nel nostro intestino. Spesso basterebbe eliminare solo pochi elementi che "disturbano" la digestione per registrare una diminuzione di peso senza ricorrere alla dieta dimagrante.  

[Per approfondire: quando le diete non funzionano]

Abituarsi alla dieta sin da piccoli

Il segreto per vivere bene e a lungo è quello di condurre una vita sana sin da piccoli. Molto si può fare per abituare i bambini alla buona tavola e a uno stile di vita attivo. Ma come attirare la loro attenzione quando nel piatto ci sono broccoli e cavolfiore? Ecco come fare: frutta e verdura ai bambini? 7 consigli.

 

E per i grandi? Nel 2017 non poteva mancare l'intervento della tecnologia anche in campo alimentare.

I ricercatori della Drexel University (Philadelphia) hanno sviluppato un gioco per computer e un'app per dimagrire senza sforzo.

Dieta è la capacità di dire "no"

DietDash, questo il nome del gioco per computer proposto dai ricercatori americani.

Il gioco punta su un processo cerebrale chiamato "controllo inibitorio".

Per spiegare di cosa si tratta, il docente di Psicologia Evan Forman riporta un semplice esempio. Se un collega di lavoro porta in ufficio una scatola di cioccolatini, il nostro primo impulso è quello di accettarne uno. Subito dopo quest'impulso, interviene però una risposta dal nostro cervello (o, se volete, dal senso di colpa) che ci suggerisce di astenerci. Il problema è che questa seconda reazione è sempre più lenta e meno forte rispetto all'impulso iniziale che ci fa desiderare il cioccolatino.

 

Il gioco sviluppato dai ricercatori ha proprio lo scopo di rafforzare quel "no" che, in termini esatti, si chiama controllo inibitorio.

 

Il controllo inibitorio può essere allenato. Questa è la conclusione a cui è giunto il prof. Forman e che è alla base del nuovo gioco ideato dal suo team. Ogni giorno, per otto minuti, i volontari devono osservare su un monitor delle immagini di alimenti e decidere quali sono salutari e quali no.

Lo scopo è quello di migliorare le abitudini alimentari allenando il controllo inibitorio. I risultati sono soddisfacenti, ma questo studio – a differenza di altri precedenti – si propone di valutare gli esiti nel lungo termine.

Un'app per non rompere la dieta

Il momento più difficile di una dieta dimagrante è sempre quello della tentazione. Cioccolato e dolci sono al primo posto nella scala delle tentazioni di chi tutti i giorni fa i conti con frutta e verdura.

[Leggi anche: tutto quello che non sai sul cioccolato]

L'app sviluppata dai ricercatori di Philadelphia si propone di proprio di intervenire in questi momenti, non a caso si chiama DietAlert.

L'app è intelligente: è capace di archiviare informazioni riguardo le nostre abitudini alimentari e, attraverso un algoritmo, individuare i momenti i cui potremmo essere a rischio di interrompere la dieta.

È proprio questo il punto di forza che distingue quest'app dalle altre: una personalizzazione che permette di prevenire gli strappi alla dieta.

 

Le due attività vanno chiaramente di pari passo: l'app ci avvisa quando siamo in un momento di tentazione e il gioco per pc allena la nostra capacità di dire "no".

 

Perché il problema non è mai la dieta. Il problema è la costanza.

 

 

Testa o cuore: tu da che parte stai?

testa o cuore. tu da che parte stai?

Testa e cuore ci influenzano più di quanto immaginiamo: la distinzione tra brain-person e heart-person ha ripercussioni su carattere e scelte quotidiane.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è la chiave di lettura delle relazioni umane. Uno studio conferma che il DNA predisponde le donne a leggere lo sguardo per comprendere le emozioni.

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

I neuroni specchio aprono una nuova strada nello studio della psicologia e del comportamento umano. Scopriamo in maniera semplice cosa sono e come funzionano.

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Ultracentenari in buona salute: la scienza spiega perché mangiare poco e essere ottimisti aiuta a spegnere cento candeline senza grandi rimorsi.

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i nuovi sistemi di autenticazione si preoccupano più della nostra identità virtuale che di quella reale. L'allarme dei ricercatori.

Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori distratti dalla tecnologia: anche solo controllare un messaggio in chat disturba il rapporto con i figli che diventano nervosi e insofferenti.

Ravviarsi i capelli

ravviarsi i capelli

Ravviarsi i capelli, a seconda del gesto, può significare ricerca di protezione o anche voglia di mostrarsi al meglio. 

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Raffaele Morelli, noto psicoterapeuta e psichiatra italiano, è l'autore del saggio "Solo la mente può bruciare i grassi" edito da Mondadori nel 2016.