7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.

"7 brevi lezioni di fisica" di Carlo Rovelli è un saggio illuminante sui concetti fondamentali della fisica moderna. Uno splendido viaggio attraverso la relatività, lo spazio e il tempo, il calore, i buchi neri e l'Universo sotto la guida di una voce esperta capace di rendere affascinante anche l'argomento più ostico.

"Se non lo sai spiegare in maniera semplice, non l'hai capito abbastanza bene" diceva Einstein. Carlo Rovelli è invece in grado di rendere semplici e fruibili concetti complessi che la nostra mente fatica a concepire: esempi, confronti e un linguaggio privo di tecnicismi fanno di "7 brevi lezioni di fisica" un compendio di conoscenze che finalmente fa luce in una materia considerata inaccessibile dalla maggior parte dei lettori.

"Lo spazio si incurva là dove ci sia materia. È tutto. L'equazione sta in una mezza riga, non c'è altro. Una visione – lo spazio che si incurva – e un'equazione. Ma dentro quest'equazione c'è un universo rutilante. ... Una successione fantasmagorica di predizioni che sembrano i deliri di un pazzo e invece sono state tutte verificate dall'esperienza".

Non solo. Gli argomenti puramente tecnici sono alternati a eventi che hanno influito in maniera determinante nella storia della fisica (gli studi di Einstein, la famosa disputa tra Einstein e Bohr) al fine di facilitare la collocazione dei concetti in uno spazio-tempo a noi più congeniale: quello dell'uomo nella sua interezza.

"Si noti il meraviglioso "Mi sembra..." iniziale, che ricorda l'"Io penso..." con cui Darwin introduce nei suoi taccuini la grande idea che le specie evolvono o l'"esitazione" di cui parla Faraday quando nel suo libro introduce la rivoluzionaria idea di campo elettrico. Il genio esita".

"7 brevi lezioni di fisica" non è, però, un libro che fornisce risposte: il suo scopo è insidiare l'uomo con dubbi e domande perché, sulla scia della curiosità scopra la bellezza della conoscenza.

"Fino all'ultimo, la voglia di confrontarsi e capire di più. Fino all'ultimo, il dubbio".

Le spiegazioni sono molto "personali": Carlo Rovelli si rivolge al lettore con un linguaggio confidenziale attraverso il quale traspare un amore per la conoscenza che è tutt'altro che scontato nel mondo della scienza. Pochi sono infatti i divulgatori scientifici che riescono a condividere il proprio sapere con un linguaggio accessibile a tutti e un trasporto che affascina. Carlo Rovelli è tra essi: la passione per la ricerca scientifica che naviga tra le pagine di "7 brevi lezioni di fisica" contagia anche il lettore coinvolgendolo in una ricerca senza fine dall'infinitamente piccolo all'infinitamente grande. Lì dove permane una sola grande certezza:

"Qui, sul bordo di quello che sappiamo, a contatto con l'oceano di quanto non sappiamo, brillano il mistero del mondo, la bellezza del mondo e ci lasciano senza fiato".

A questo link puoi avere maggiori informazioni sul libro:

Voglia di leggere? Ti consiglio:

Nella mente degli altri – Rizzolatti, Vozza

Le carezze cambiano il DNA – Roberto Giacobbo

Gli altri libri che ho letto sono qui

Sinossi

Ci sono frontiere della conoscenza dove brucia il nostro desiderio di sapere: sono nelle profondità più minute del tessuto dello spazio, nelle origini del cosmo, nella natura del tempo, nella destinazione dei buchi neri. Qui, a contatto con l’oceano di quanto non sappiamo, bellezza e mistero ci lasciano senza fiato. Queste ‘lezioni’ delineano una rapida panoramica della rivoluzione avvenuta nella fisica del XX secolo e della ricerca in corso, discorrendo, con ammirevole trasparenza, della teoria della relatività generale di Einstein, della meccanica quantistica, dell’architettura del cosmo, delle particelle elementari, della gravità quantistica, della probabilità e del calore dei buchi neri, della natura del tempo e di altro ancora.

Autore

Carlo Rovelli è un fisico teorico e divulgatore scientifico italiano. È uno dei fondatori della gravità quantistica a loop.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Perché dormire fa bene al cervello

Perché dormire fa bene al cervello

Cosa fa il cervello quando siamo impegnati a dormire: recenti ricerche sottolineano l’importanza del sonno per contrastare le malattie neurodegenerative.

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo? Quanti calcoli possiamo fare? Scopriamo i numeri delle sinapsi cerebrali che rendono il cervello più potente di qualsiasi computer.

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Scoperta una relazione tra il tipo di apprendimento (esplicito o implicito) e le onde cerebrali emesse dal cervello: nuove applicazioni per l'Alzheimer.

Stress: di padre in figlio

Stress: di padre in figlio

Lo stress si trasmette di padre in figlio: il DNA di topi maschi stressati influenza l’espressione genica nei cuccioli che risultano più ansiosi e depressi.

Il cervello e la bellezza

Il cervello e la bellezza

La bellezza di un volto non va sottovalutata: secondo uno studio, il nostro cervello vede segni di salute e potenziale riproduttivo nei volti attraenti.

La religione influenza le scelte

Come la religione influenza le scelte

Il pensiero di Dio attiva nel cervello i circuiti di ricompensa: la scienza spiega perché l'esperienza spirituale influenza la nostre scelte quotidiane.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.

Litigare (nel modo giusto) fa bene alla coppia

litigare nel modo giusto

Evitare di litigare con il partner è un atteggiamento tipico dell’età adulta ma nelle coppie giovani può essere il sintomo di qualcosa che non funziona.