Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

"Nella mente degli altri" di Giacomo Rizzolatti e Lisa Vozza è un saggio esaustivo e autorevole che approfondisce il tema dei neuroni specchio a 360 gradi.

 Nel libro "Nella mente degli altri" gli autori Giacomo Rizzolatti e Lisa Vozza affrontano il complesso argomento dei neuroni specchio ripercorrendo le strade della ricerca dalla scoperta casuale alle implicazioni in ambito medico.

 

Attraverso un breve excursus tra anatomia e fisiologia, gli autori ci immergono subito nel mondo del neurone: la struttura, il funzionamento e le tecniche di analisi dell'attività cerebrale sono elaborate con chiarezza e semplicità e rendono la lettura piacevole anche per chi non ha una formazione di base scientifica.

 

Il percorso che si dipana attraverso i vari capitoli segue il corso storico della ricerca sui neuroni specchio: dalle prime "anomalie" che hanno permesso la scoperta causale del sistema di neuroni specchio da parte del team di ricerca guidato dal prof. Giacomo Rizzolatti alle diverse fasi sperimentali condotte in tutto il mondo.

Un percorso fatto soprattutto di esperimenti, tentativi e ipotesi che hanno permesso alla ricerca di compiere piccoli passi avanti in un campo che, fino a pochi anni fa, era del tutto inesplorato.

[Ti potrebbe interessare: l'ippocampo e la formazione dei ricordi]

Stile "leggero" ma autorevole

Gli esperimenti condotti sulle scimmie e sull'uomo sono riportati nel testo con dovizia di particolari senza mai sfociare nei tecnicismi che spesso allontanano dalla lettura chi non ha dimestichezza con il linguaggio scientifico.

Ogni passaggio è spiegato con numerosi esempi che riportano all'esperienza quotidiana in modo da rendere più fluido, durante la lettura, il rapporto tra ricerca e vita comune.

  

Affrontare un argomento complesso come quello dei neuroni specchio attraverso gli esperimenti scientifici non è un'impresa semplice: spiegare lo scopo di ogni fase dello studio e le interpretazioni dei risultati implica non solo una conoscenza scientifica approfondita ma anche una chiarezza di esposizione che pochi autori possono vantare. Giacomo Rizzolatti e Lisa Vozza riescono, per tutta la durata di questo viaggio nel cervello, a tenere per mano il lettore anche nell'affrontare la specificità di argomenti come l'apprendimento per imitazione, concetto che è alla base del funzionamento dei neuroni specchio.

 

"I neuroni specchio non si attivano in funzione di uno specifico stimolo ma quando l'animale è in grado di capire cosa fanno gli altri".

 

[Per approfondire: Neuroni specchio, cosa sono e come funzionano]

"Nella mente degli altri" per comprendere l'empatia, il linguaggio e perfino l'autismo.

Se nella prima parte del libro il focus è incentrato sui neuroni specchio e sulla comprensione delle dinamiche di apprendimento che li coinvolgono, la seconda parte ruota attorno a concetti un po' meno "astratti" come l'empatia e il linguaggio.

 

Gli studi condotti negli ultimi anni riguardo il comportamento dei neuroni specchio confermano che alla base della teoria dell'empatia c'è una spiegazione scientifica. Siamo quindi in grado di immedesimarci negli altri grazie all'attivazione dei nostri neuroni specchio che ci permettono di sentire il dolore altrui come se fosse realmente nostro. Una sorta di stampo che di fronte alle emozioni si attiva per farcele rivivere sulla nostra pelle e non sulla base di un semplice ricordo.

 

[Ti potrebbe interessare: l'empatia è nel DNA delle donne]

 

Ma anche le teorie che tentano di rivelare i processi alla base della nascita del linguaggio potrebbero beneficiare della scoperta dei neuroni specchio. Come ampiamente trattato nella sezione "Comunicazione e linguaggio", i neuroni specchio sembra forniscano l'anello mancante alla teoria del linguaggio del noto linguista americano Liberman.

Secondo il prof. Liberman, quando ascoltiamo un particolare fonema, nel nostro cervello si attivano le aree cerebrali deputate alla produzione di quel fonema anche se la nostra bocca e la nostra laringe non emettono suoni. Si tratta anche in questo caso di neuroni specchio chiamati neuroni specchio-eco.

  

I neuroni specchio risultano quindi implicati in numerosi processi cerebrali che ci riguardano molto da vicino e affrontare di volta in volta nuove strade nel campo della ricerca, permette anche di comprendere cosa accade quando alcune di queste strade seguono percorsi "anomali". È il caso dell'autismo, lo "specchio rotto" di cui parlano Lisa Vozza e Giacomo Rizzolatti. Numerosi studi rivelano infatti deficit nel sistema dei neuroni specchio nei bambini autistici. La ricerca in questo ambito ha ancora molta strada da fare, ma i risultati ottenuti si affiancano alle conoscenze già in possesso dei ricercatori e dei medici per potenziare l'intervento in presenza di patologie così complesse e soprattutto per intervenire a monte.

[Per approfondire: Neuroni specchio – empatia, linguaggio, autismo]

Conoscere l'importanza dei neuroni specchio

Il libro "Nella mente degli altri" ha lo scopo di rendere di dominio pubblico conoscenze scientifiche relativamente recenti che però si incastrano perfettamente con la vita quotidiana.

Senza i neuroni specchio non saremmo in grado di imitare gli altri e quindi apprendere nuove funzioni (ad esempio imparare a suonare uno strumento musicale). Non saremmo capaci di comprendere i movimenti degli altri e lo scopo delle loro azioni. Sarebbero a rischio l'intuizione, l'empatia e forse perfino il linguaggio.

Come sottolineano gli autori con delicatezza e autorevolezza, senza i neuroni specchio sarebbero compromessi i cardini della vita e dell'interazione sociale.

 

È importante quindi conoscere opere divulgative che possano ampliare le nostre conoscenze e diffondere l'operato dei tanti ricercatori che permettono alla scienza di progredire. In questo caso, non senza un pizzico di orgoglio, dato che la scoperta è tutta italiana!

 

Voglia di leggere? Qui ti consiglio altri libri.

 

Clicca qui per acquistare o leggere le prime pagine: Nella mente degli altri – Neuroni specchio e comportamento sociale

Sinossi

Come mai un film può coinvolgerci così tanto che abbiamo la sensazione di essere noi i protagonisti della scena d'amore sullo schermo? Immedesimarci nelle azioni degli altri è qualcosa che facciamo ogni giorno, automaticamente e senza neppure rendercene conto. È il nostro cervello a occuparsene, grazie ad alcune cellule nervose chiamate neuroni specchio. Scoperti nel cervello delle scimmie, i neuroni specchio dell'uomo controllano processi molto sofisticati, come la comprensione di azioni, intenzioni ed emozioni altrui, l'imitazione, l'apprendimento e il linguaggio. Questo libro racconta la scoperta e le funzioni di queste cellule speciali che ci aiutano a prevedere, comprendere e imitare quello che fanno, provano e dicono gli altri.

 

Autori

Giacomo Rizzolatti, neurofisiologo di fama internazionale, è docente di Fisiologia umana e direttore del Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Parma. Accademico dei Lincei e membro di prestigiose accademiche internazionali, ha ricevuto in Italia e all'estero numerosi premi e la laurea honoris causa dall'Università Claude Bernard di Lione e dall'Università di San Pietroburgo.

Lisa Vozza, biologa e divulgatrice scientifica, ha lavorato per Le Scienze, per Scientific American e per numerosi editori italiani. Al lavoro editoriale associa l'impegno all'interno dell'interno dell'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC).

 

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Come migliorare le capacità di problem solving: la scienza consiglia di puntare sull'intuizione più che sull'analisi e concedersi il giusto tempo di riposo.

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini hanno meno paura delle donne: la scienza conferma il mito dell’uomo coraggioso esaltato fin dalla notte dei tempi. Il merito è del testosterone.

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico nel momento del dolore determina sincronizzazione delle onde cerebrali, del respiro e della frequenza cardiaca. E c'è di mezzo l'empatia.

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Neuroni specchio: empatia, linguaggio e autismo

Neuroni specchio: empatia, linguaggio e autismo

Gli studi sui neuroni specchio forniscono un fondamento scientifico all'empatia e nuove strade di approfondimento per l'autismo e la teoria del linguaggio.

Gravidanza over 35: il cervello ringrazia

GRAVIDANZA OVER 35: IL CERVELLO RINGRAZIA

La gravidanza dopo i trentacinque anni rende le donne più intelligenti in tarda età: il merito è degli ormoni sessuali, un toccasana per il cervello.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

La Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome) identifica gravi danni neurologici e perfino morte causati da scuotimento energico dei neonati.

Stretta di mano: quale significato nasconde

stretta di mano: quale significato nasconde

Il linguaggio del corpo ci insegna a distinguere la stretta di mano autentica da quella forzata e ambigua: scopriamo i segnali da non lasciarsi sfuggire.

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

"Le carezze cambiano il DNA" di Roberto Giacobbo: un'analisi completa e chiara sull'epigenetica e sul nostro potere di cambiare il DNA con lo stile di vita.