tutto quello che non sai sul cioccolato

Potenzia cuore e cervello, contrasta l’invecchiamento, fa dimagrire ma crea dipendenza: il cioccolato stimola gli stessi centri nervosi attivati dalle droghe.

Indice

Tutti i benefici del cioccolato

Cioccolato e dieta

Il cioccolato crea dipendenza

Alcuni riescono a resistere, altri si concedono un piccolo strappo alla regola, ma i più cedono di fronte a una torta al cioccolato con crema al cioccolato e glassa al cioccolato. E non appena il gusto è appagato saltano fuori i sensi di colpa. Eppure gli studiosi smentiscono la cattiva fama che il cioccolato si porta dietro da sempre sottolineando alcuni aspetti positivi legati al consumo di questo alimento.

Tutti i benefici del cioccolato

È noto che il cioccolato fondente sia preferibile rispetto ad altri tipologie ma non tutti sanno che, soddisfacendo il palato, introduciamo nel nostro organismo fibre (utilissime nella dieta), magnesio (coenzima che prende parte a importanti funzioni metaboliche) e antiossidanti (le molecole “magiche” che contrastano l’invecchiamento). Cose da poco però se paragonate ai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Neurology secondo il quale individui anziani che hanno bevuto due tazze di cioccolato al giorno per trenta giorni consecutivi hanno mostrato un incremento del flusso sanguigno al cervello (+8,3%) correlato a migliori risultati su test di memoria e comprensione. Solo due tazze di cioccolato al giorno per mantenere il cervello più sano e il pensiero più acuto.

Altri studi sottolineano inoltre un beneficio per il cuore perché è stato dimostrato che il consumo quotidiano di cioccolato riduce l’incidenza di infarto in alcuni pazienti ad alto rischio. Gli effetti cardioprotettivi sono attribuiti ai polifenoli, una categoria di antiossidanti che diminuisce la pressione arteriosa.

Secondo altri studi il cioccolato ha un’influenza positiva sull’umore e riduce i sintomi depressivi oltre a stimolare il desiderio sessuale.

Cioccolato e dieta

Un’altra ricerca fa invece crollare un mito legato a questo prezioso alimento: il cioccolato fa dimagrire. Naturalmente in questo caso parliamo del cioccolato nobile – quello fondente – che sembra associato a un indice di massa corporea minore negli individui che ne mangiano per almeno cinque giorni a settimana. Probabilmente questo effetto è legato anche al potere di controllo dell’appetito che il cioccolato possiede in virtù della presenza di fibre.

I problemi sorgono quando il consumo è eccessivo e relativo ad altre tipologie di cioccolato (bianco, al latte, con farciture varie) che spianano la strada all’aumento di peso.

Il cioccolato crea dipendenza

Attenti però. Secondo i ricercatori dell’Università del Michigan, anche nel caso del cioccolato si può parlare di una vera e propria dipendenza non dissimile, nei meccanismi, dalla tossicodipendenza.

Uno studio condotto sui topi, infatti, ha mostrato che durante il consumo di cioccolato aumenta la concentrazione del neurotrasmettitore encefalina in una regione del cervello chiamata neostriato. Il neostriato è la stessa struttura cerebrale che si attiva quando le persone obese vedono il cibo o i tossicodipendenti guardano scene di droga. Le encefaline e altri messaggeri simili non ci fanno piacere di più il cioccolato, ma aumentano il desiderio e l’impulso di mangiarlo.

Com’è ovvio non bisogna fare confusione: in questo caso si parla delle reazioni biologiche coinvolte, ma i tipi di dipendenza non sono sullo stesso piano. Il cioccolato ha i suoi benefici se consumato con moderazione, le droghe no.

Cosa fare quindi, cedere alla tentazione spinti dai benefici del consumo di cioccolato dando poi la colpa all’encefalina perché non siamo in grado di contenerci? La risposta, come sempre in casi di questo genere, è il buonsenso.

 (Caterina Stile)

 

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

La lettura ad alta voce come strumento didattico democratico per colmare le lacune della scuola: l’ambizioso progetto del professor Batini

Litigare (nel modo giusto) fa bene alla coppia

litigare nel modo giusto

Evitare di litigare con il partner è un atteggiamento tipico dell’età adulta ma nelle coppie giovani può essere il sintomo di qualcosa che non funziona.

Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi è un gesto che, oltre ad alleviare un fastidio, è spesso un indicatore di emozioni soffocate soprattutto se coinvolge mento, fronte, collo e naso.

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è la chiave di lettura delle relazioni umane. Uno studio conferma che il DNA predispone le donne a leggere lo sguardo per comprendere le emozioni.

Sognare a occhi aperti: il cervello smart

Sognare a occhi aperti: il cervello smart

Sognare a occhi aperti è una prerogativa di chi ha un cervello smart: chi lascia spesso vagare la mente possiede connessioni cerebrali più efficienti.

Io, trafficante di virus - Ilaria Capua - recensione

Io, trafficante di virus - Ilaria Capua - recensione

Nel libro "Io, trafficante di virus", Ilaria Capua si svela come donna e come scienziata: la vita privata, la carriera e la scelta di lasciare l'Italia.

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

L'uomo di Neanderthal studiato attraverso gli organoidi cerebrali: una sola mutazione potrebbe essere alla base dello sviluppo del nostro cervello.

Il cervello e la bellezza

Il cervello e la bellezza

La bellezza di un volto non va sottovalutata: secondo uno studio, il nostro cervello vede segni di salute e potenziale riproduttivo nei volti attraenti.

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Nuove sfide in neuroscienze: la ricerca rivela che il cervello degli anziani può competere perfino con quello dei giovani nel campo delle sfide intellettive.

Vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

I no-vax sono convinti che i vaccini siano dannosi e causino malattie gravi. La scienza smonta le bufale: ecco perché è indispensabile vaccinarsi.

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco aumenta il rischio di obesità nei bambini piccoli: poche ore di sonno in meno e il consumo di calorie aumenta del 20% in un giorno solo.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.