Più tecnologia meno cervello

Tecnologia e cervello: essere sempre connessi compromette la working memory e interrompe i momenti di relax necessari per consolidare memoria e apprendimento.

Indice

Tecnologia tra alti e bassi

La working memory aiuta il cervello a gestire le azioni di routine

Spegnere lo smartphone aiuta a rilassarsi migliorando memoria e apprendimento

Tecnologia tra alti e bassi

Siamo la generazione dei sempre connessi, quelli che chiedono al GPS la strada di casa e cercano online la ricetta degli spaghetti aglio e olio, quelli che non usano la penna perché fanno le foto, quelli che restano fuori casa senza chiavi e ne fanno una barzelletta su whatsapp.

La tecnologia ha migliorato notevolmente le abitudini quotidiane negli ultimi vent’anni e di certo i vantaggi di avere il mondo a portata di click non sono trascurabili, ma i ricercatori mettono in guardia: se la vita sotto certi aspetti è facilitata, il nostro cervello non ha vita facile. E non si tratta di un giro di parole. 

La scoperta, neanche tanto sorprendente, arriva dal Royal Institute of Technology di Stoccolma da studi che hanno analizzato l’attività del cervello umano sottoposto a un regolare utilizzo di social media. Per comprendere i risultati di questo studio bisogna far luce su un aspetto fondamentale dell’attività del cervello, detto working memory (memoria di lavoro), introdotto per spiegare le dinamiche della memoria a breve termine.

La working memory aiuta il cervello a gestire le azioni di routine

La working memory è responsabile dell’immagazzinamento temporaneo delle informazioni nel cervello e ci permette di compiere azioni quotidiane senza una particolare concentrazione, azioni su cui normalmente non ci soffermiamo ad esempio la comunicazione (anche online).

 

Secondo gli esperti, il limite della working memory è rappresentato dal fatto che, in qualsiasi momento, essa è in grado di sostenere 3-4 elementi alla volta. Ciò vuol dire che, eccedendo con il carico di lavoro sulla working memory, si ottengono prestazioni inferiori e il cervello diventa meno efficiente nell’analizzare ciò che gli viene sottoposto.

Se il concetto sembra complicato, pensate al vostro pc: normalmente aprire il browser e fare una ricerca non impiega più di qualche secondo (a meno che non abbiate un pc preistorico). Ma se cercate di effettuare la stessa ricerca mentre guardate un film in streaming, scaricate una canzone da youtube, chattate su skype e controllate la vostra email vi rendete subito conto che il processo sarà più lento perché la memoria del pc sta lavorando su più fronti. Si potrebbero addirittura verificare disturbi nella visualizzazione del film o l’impossibilità di scaricare la canzone o una lentezza esasperante nell’inviare una foto in chat.

Nel nostro cervello accade lo stesso. Quando siamo impegnati, il cervello riesce a elaborare tutte le informazioni sensoriali che riceve a meno che non venga sovraccaricato e ciò vale anche quando siamo online perché chattare sui social media, visualizzare foto o filmati, controllare le email e le news sono tutte attività che richiedono l’intervento della working memory.

Spegnere lo smartphone aiuta a rilassarsi migliorando memoria e apprendimento

Il ricercatore Erik Fransen, che ha guidato lo studio, afferma inoltre che essere costantemente connessi toglie al cervello il tempo necessario per le normali attività di “manutenzione” associate all’attività fisica e al relax. Contrariamente a quanto si è portati a credere, rilassarsi non è uno spreco di tempo ma un momento di fondamentale importanza durante il quale il cervello si dedica al consolidamento di tutto ciò che abbiamo appreso, alimentando memoria e apprendimento. Se si impediscono tali processi, l’efficienza di analisi sarà ancora più bassa.

L’era dei social media ci ha permesso di restare in contatto con chiunque in tutto il mondo eliminando le barriere fisiche della distanza, un beneficio a livello lavorativo – si pensi alle videoconferenze – così come in ambito sociale. Restare costantemente legati a pc, tablet e smatphone è però controproducente e, come sempre, è consigliato un uso moderato.

Conclusione? A intervalli regolari lasciate il mondo virtuale e immergetevi in quello reale: non sarà solo il cervello a beneficiarne!

(Caterina Stile)

Biblio/Sitografia:

KTH The Royal Institute of Technology. "Online time can hobble brain's important work." ScienceDaily. ScienceDaily, 20 September 2013.

Le illusioni ottiche

Le illusioni ottiche

Cosa sono le illusioni ottiche? Perché il cervello cade vittima di inganni visivi?

Il vaccino non è un'opinione - Roberto Burioni - recensione

Il vaccino non è un'opinione - recensione

Roberto Burioni, medico e divulgatore scientifico italiano, è autore del saggio Il vaccino non è un'opinione (Mondadori, 2016) vincitore del premio Asimov 2017.

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

La lettura ad alta voce come strumento didattico democratico per colmare le lacune della scuola: l’ambizioso progetto del professor Batini

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.

Educare al rispetto: consigli pratici

educare al rispetto: consigli pratici

Aumentati in maniera allarmante i problemi psichici di bambini e adolescenti. Educazione, supporto emotivo e vita sana: consigli pratici per genitori in crisi.

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile, di S. Moalem, è un libro innovativo e commovente che scardina le convinzioni della genetica e dona dignità alle malattie rare.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Istinto: quanto ci influenza

Istinto: quanto ci influenza

Voglia di schiaffeggiare qualcuno e farfalle nello stomaco se siamo innamorati: cosa succede al nostro cervello quando l'istinto prende il sopravvento?

L'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

l'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

L’amore della mamma aumenta le dimensioni dell’ippocampo nel cervello dei bambini. Ciò vuol dire migliori capacità intellettive e resistenza allo stress.

Il cervello e la bellezza

Il cervello e la bellezza

La bellezza di un volto non va sottovalutata: secondo uno studio, il nostro cervello vede segni di salute e potenziale riproduttivo nei volti attraenti.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.

Sposarsi per sconfiggere il tumore

sposarsi per sconfiggere il tumore

Nella buona e nella cattiva sorte: i ricercatori hanno scoperto che il matrimonio ha il potere di contrastare il tumore grazie al supporto del partner.