Questo sito utilizza i cookie - anche di terze parti. Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Per saperne di più leggi l'informativa.

IL LINGUAGGIO DEL CORPO

Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi è un gesto che, oltre ad alleviare un fastidio, è spesso un indicatore di emozioni soffocate soprattutto se coinvolge mento, fronte, collo e naso.

Come quasi tutti gli atteggiamenti messi in atto in maniera inconsapevole, anche grattarsi è un modo attraverso il quale l'organismo scarica la tensione fisica o psicologica. Il gesto di grattare è legato ad un fastidio a cui si vuole porre rimedio e, a seconda della parte del corpo interessata, può indicare un disagio più o meno forte.

Grattarsi sotto il mento o sulla fronte

Quando ci si gratta la zona del collo, in genere il mento è sollevato verso l'alto. Il gesto può essere eseguito a mani nude, con il dito indice o medio che percorre il collo dalla base al mento a volte anche in posizione orizzontale. Lo stesso movimento può essere eseguito con una penna oppure pizzicando l'area del pomo d'Adamo.

Il messaggio inconscio che trasmettiamo con questo movimento è un senso di scetticismo o disinteresse nei confronti di ciò che stiamo osservando o ascoltando.

Grattarsi sulla fronte rende il segnale ancora più forte poiché il gesto imita l'espressione di incredulità che produce le tipiche pieghe orizzontali sulla fronte. Grattarsi le sopracciglia o la fronte con due dita della mano che premono verso l'alto è il tipico gesto di chi vuole nascondere il proprio scetticismo in un contesto in cui sarebbe inopportuno.

Grattare o pizzicare il volto

Le parti del volto maggiormente interessate sono il mento e le guance ma anche il collo.

Pizzicarsi è un atto più deciso rispetto al grattarsi e denota un senso di disagio più forte. In questo caso si manifesta un vero e proprio desiderio di fuggire dalla situazione in cui ci si trova: pizzicare la pelle ha infatti l'effetto inconscio di "spostarla" dalla sua sede. In alcuni casi il fastidio è talmente forte che ci si accanisce contro capelli e peli (ad esempio le sopracciglia) fino a strapparli.

Grattarsi il naso, lo zigomo o l'angolo degli occhi

Grattarsi il naso in genere coinvolge la parte esterna delle narici e la piega tra naso e labbra. Spesso il movimento è più deciso e spinge a storcere il naso con le dita.

Grattarsi il naso è un gesto che trasmette un profondo disaccordo o rifiuto nei confronti di ciò che si ha di fronte, spesso indice di un vero e proprio disprezzo.

Il senso di fastidio è tanto più forte quanto più le dita sono vicine alle narici. Se poi il gesto è ripetuto più volte, allora l'intensità del gesto è indiscutibile.

Anche grattarsi lo zigomo o l'angolo interno degli occhi denota un senso di disagio anche se un po' meno marcato.

Il gesto tipico è quello di toccare l'angolo interno dell'occhio come per rimuovere qualcosa: il messaggio che trasmettiamo in questo caso è la volontà di togliere via ciò che ci disturba in quel momento – un discorso, una persona, una situazione.

Se invece è coinvolto l'angolo esterno dell'occhio spesso si tratta di un modo delicato di nascondere una lacrima.

Grattare o pizzicare il collo

Se la parte interessata del collo è quella della base e il movimento è eseguito infilando un dito nel colletto della camicia, allora non ci sono dubbi: è una reazione di fuga.

In genere la bocca resta socchiusa e gli occhi sono un po' più sporgenti del solito.

La persona che mostra questo atteggiamento fa fatica a nascondere ansia e nervosismo in una situazione a cui, evidentemente, non può sottrarsi.

Tentare di allargare il colletto è una risposta inconscia a una reazione biologica: provare ansia genera un restringimento della gola e la sensazione di respirare a fatica.

Chi mostra questi segnali, non c'è dubbio, scapperà appena possibile.

[Trovi qui gli altri articoli della sezione Linguaggio del corpo – Attrazione – Seduzione]

Quest'articolo è liberamente ispirato al libro

I messaggi segreti del corpo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

ULTIMI ARTICOLI

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.

Come stabilire se esiste alchimia tra due persone? La chimica ci viene in soccorso per spiegare quali reazioni guidano i nostri comportamenti in amore.

Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo. Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico ...

Grafia lineare e regolare, proporzionale ai margini del foglio, senza eccessi o spigolosità: ecco come scrive il partner affidabile, sicuro di sé e fedele.

Dall'amore platonico al colpo di fulmine: secondo la teoria americana del triangolo dell'amore, tre sono gli elementi magici per relazioni felici e durature.

Newsletter