Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi è un gesto che, oltre ad alleviare un fastidio, è spesso un indicatore di emozioni soffocate soprattutto se coinvolge mento, fronte, collo e naso.

Come quasi tutti gli atteggiamenti messi in atto in maniera inconsapevole, anche grattarsi è un modo attraverso il quale l'organismo scarica la tensione fisica o psicologica. Il gesto di grattare è legato ad un fastidio a cui si vuole porre rimedio e, a seconda della parte del corpo interessata, può indicare un disagio più o meno forte.

 

Grattarsi sotto il mento o sulla fronte

Quando ci si gratta la zona del collo, in genere il mento è sollevato verso l'alto. Il gesto può essere eseguito a mani nude, con il dito indice o medio che percorre il collo dalla base al mento a volte anche in posizione orizzontale. Lo stesso movimento può essere eseguito con una penna oppure pizzicando l'area del pomo d'Adamo.

Il messaggio inconscio che trasmettiamo con questo movimento è un senso di scetticismo o disinteresse nei confronti di ciò che stiamo osservando o ascoltando.

Grattarsi sulla fronte rende il segnale ancora più forte poiché il gesto imita l'espressione di incredulità che produce le tipiche pieghe orizzontali sulla fronte. Grattarsi le sopracciglia o la fronte con due dita della mano che premono verso l'alto è il tipico gesto di chi vuole nascondere il proprio scetticismo in un contesto in cui sarebbe inopportuno.

 

Grattare o pizzicare il volto

Le parti del volto maggiormente interessate sono il mento e le guance ma anche il collo.

Pizzicarsi è un atto più deciso rispetto al grattarsi e denota un senso di disagio più forte. In questo caso si manifesta un vero e proprio desiderio di fuggire dalla situazione in cui ci si trova: pizzicare la pelle ha infatti l'effetto inconscio di "spostarla" dalla sua sede. In alcuni casi il fastidio è talmente forte che ci si accanisce contro capelli e peli (ad esempio le sopracciglia) fino a strapparli.

Grattarsi il naso, lo zigomo o l'angolo degli occhi

Grattarsi il naso in genere coinvolge la parte esterna delle narici e la piega tra naso e labbra. Spesso il movimento è più deciso e spinge a storcere il naso con le dita.

Grattarsi il naso è un gesto che trasmette un profondo disaccordo o rifiuto nei confronti di ciò che si ha di fronte, spesso indice di un vero e proprio disprezzo.

Il senso di fastidio è tanto più forte quanto più le dita sono vicine alle narici. Se poi il gesto è ripetuto più volte, allora l'intensità del gesto è indiscutibile.

Anche grattarsi lo zigomo o l'angolo interno degli occhi denota un senso di disagio anche se un po' meno marcato.

Il gesto tipico è quello di toccare l'angolo interno dell'occhio come per rimuovere qualcosa: il messaggio che trasmettiamo in questo caso è la volontà di togliere via ciò che ci disturba in quel momento – un discorso, una persona, una situazione.

Se invece è coinvolto l'angolo esterno dell'occhio spesso si tratta di un modo delicato di nascondere una lacrima.

Grattare o pizzicare il collo

Se la parte interessata del collo è quella della base e il movimento è eseguito infilando un dito nel colletto della camicia, allora non ci sono dubbi: è una reazione di fuga.

In genere la bocca resta socchiusa e gli occhi sono un po' più sporgenti del solito.

La persona che mostra questo atteggiamento fa fatica a nascondere ansia e nervosismo in una situazione a cui, evidentemente, non può sottrarsi.

Tentare di allargare il colletto è una risposta inconscia a una reazione biologica: provare ansia genera un restringimento della gola e la sensazione di respirare a fatica.

Chi mostra questi segnali, non c'è dubbio, scapperà appena possibile.

[Trovi qui gli altri articoli della sezione Linguaggio del corpo – Attrazione – Seduzione]

Quest'articolo è liberamente ispirato al libro

I messaggi segreti del corpo

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Fisica e medicina, quale affinità? Intervista a Angela Coniglio, fisico medico

Fisica e medicina, quale affinità? Intervista a Angela Coniglio, fisico medico

La dott.ssa Coniglio, dirigente presso ASL Roma1, rivela la figura del fisico medico, un professionista che lavora dietro le quinte per la nostra salute

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

La Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome) identifica gravi danni neurologici e perfino morte causati da scuotimento energico dei neonati.

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Raffaele Morelli, noto psicoterapeuta e psichiatra italiano, è l'autore del saggio "Solo la mente può bruciare i grassi" edito da Mondadori nel 2016.

Espressione genica: il bullismo modifica il DNA

Espressione genica: il bullismo modifica il DNA

Il bullismo altera l'espressione genica: recenti studi di epigenetica rivelano che i traumi subiti agiscono sul DNA fissandosi anche a lungo termine.

Grafologia: come riconoscere il partner affidabile

Grafologia: come riconoscere il partner affidabile

Grafia lineare e regolare, proporzionale ai margini del foglio, senza eccessi o spigolosità: ecco come scrive il partner affidabile, sicuro di sé e fedele.

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Neuropilina 1: il recettore individuato dai ricercatori napoletani che potrebbe spiegare i motivi per cui i bambini si ammalano meno di Covid-19.

Differenze uomo-donna: l'attrazione nella scelta del partner

Differenze uomo-donna: la scelta del partner

Cosa influenza i nostri comportamenti nella scelta del partner? L'attrazione fisica e l'evoluzione spiegano le differenze tra uomo e donna.

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico nel momento del dolore determina sincronizzazione delle onde cerebrali, del respiro e della frequenza cardiaca. E c'è di mezzo l'empatia.

Sognare a occhi aperti: il cervello smart

Sognare a occhi aperti: il cervello smart

Sognare a occhi aperti è una prerogativa di chi ha un cervello smart: chi lascia spesso vagare la mente possiede connessioni cerebrali più efficienti.

Il vaccino non è un'opinione - Roberto Burioni - recensione

Il vaccino non è un'opinione - recensione

Roberto Burioni, medico e divulgatore scientifico italiano, è autore del saggio Il vaccino non è un'opinione (Mondadori, 2016) vincitore del premio Asimov 2017.

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio si trasmette per via ereditaria: una nuova ricerca scopre nel DNA i geni che influenzano le relazioni di coppia e la tendenza a divorziare.