Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi è un gesto che, oltre ad alleviare un fastidio, è spesso un indicatore di emozioni soffocate soprattutto se coinvolge mento, fronte, collo e naso.

Come quasi tutti gli atteggiamenti messi in atto in maniera inconsapevole, anche grattarsi è un modo attraverso il quale l'organismo scarica la tensione fisica o psicologica. Il gesto di grattare è legato ad un fastidio a cui si vuole porre rimedio e, a seconda della parte del corpo interessata, può indicare un disagio più o meno forte.

 

Grattarsi sotto il mento o sulla fronte

Quando ci si gratta la zona del collo, in genere il mento è sollevato verso l'alto. Il gesto può essere eseguito a mani nude, con il dito indice o medio che percorre il collo dalla base al mento a volte anche in posizione orizzontale. Lo stesso movimento può essere eseguito con una penna oppure pizzicando l'area del pomo d'Adamo.

Il messaggio inconscio che trasmettiamo con questo movimento è un senso di scetticismo o disinteresse nei confronti di ciò che stiamo osservando o ascoltando.

Grattarsi sulla fronte rende il segnale ancora più forte poiché il gesto imita l'espressione di incredulità che produce le tipiche pieghe orizzontali sulla fronte. Grattarsi le sopracciglia o la fronte con due dita della mano che premono verso l'alto è il tipico gesto di chi vuole nascondere il proprio scetticismo in un contesto in cui sarebbe inopportuno.

 

Grattare o pizzicare il volto

Le parti del volto maggiormente interessate sono il mento e le guance ma anche il collo.

Pizzicarsi è un atto più deciso rispetto al grattarsi e denota un senso di disagio più forte. In questo caso si manifesta un vero e proprio desiderio di fuggire dalla situazione in cui ci si trova: pizzicare la pelle ha infatti l'effetto inconscio di "spostarla" dalla sua sede. In alcuni casi il fastidio è talmente forte che ci si accanisce contro capelli e peli (ad esempio le sopracciglia) fino a strapparli.

Grattarsi il naso, lo zigomo o l'angolo degli occhi

Grattarsi il naso in genere coinvolge la parte esterna delle narici e la piega tra naso e labbra. Spesso il movimento è più deciso e spinge a storcere il naso con le dita.

Grattarsi il naso è un gesto che trasmette un profondo disaccordo o rifiuto nei confronti di ciò che si ha di fronte, spesso indice di un vero e proprio disprezzo.

Il senso di fastidio è tanto più forte quanto più le dita sono vicine alle narici. Se poi il gesto è ripetuto più volte, allora l'intensità del gesto è indiscutibile.

Anche grattarsi lo zigomo o l'angolo interno degli occhi denota un senso di disagio anche se un po' meno marcato.

Il gesto tipico è quello di toccare l'angolo interno dell'occhio come per rimuovere qualcosa: il messaggio che trasmettiamo in questo caso è la volontà di togliere via ciò che ci disturba in quel momento – un discorso, una persona, una situazione.

Se invece è coinvolto l'angolo esterno dell'occhio spesso si tratta di un modo delicato di nascondere una lacrima.

Grattare o pizzicare il collo

Se la parte interessata del collo è quella della base e il movimento è eseguito infilando un dito nel colletto della camicia, allora non ci sono dubbi: è una reazione di fuga.

In genere la bocca resta socchiusa e gli occhi sono un po' più sporgenti del solito.

La persona che mostra questo atteggiamento fa fatica a nascondere ansia e nervosismo in una situazione a cui, evidentemente, non può sottrarsi.

Tentare di allargare il colletto è una risposta inconscia a una reazione biologica: provare ansia genera un restringimento della gola e la sensazione di respirare a fatica.

Chi mostra questi segnali, non c'è dubbio, scapperà appena possibile.

[Trovi qui gli altri articoli della sezione Linguaggio del corpo – Attrazione – Seduzione]

Quest'articolo è liberamente ispirato al libro

I messaggi segreti del corpo

Litigare (nel modo giusto) fa bene alla coppia

litigare nel modo giusto

Evitare di litigare con il partner è un atteggiamento tipico dell’età adulta ma nelle coppie giovani può essere il sintomo di qualcosa che non funziona.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

quanto saremo intelligenti da vecchi

L’invecchiamento cerebrale si combatte in anticipo: sin da bambini è possibile potenziare il cervello aumentando lo spessore della corteccia cerebrale.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Il sonno potenzia la riparazione dei danni al DNA

Il sonno potenzia la riparazione dei danni al DNA

Sonno e cervello: un interessante studio rivela che, nei neuroni, i meccanismi di riparazione dei danni al DNA sono più efficienti mentre dormiamo.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco aumenta il rischio di obesità nei bambini piccoli: poche ore di sonno in meno e il consumo di calorie aumenta del 20% in un giorno solo.

I segnali dell'attrazione: la postura

I segnali dell'attrazione: la postura

I segnali dell'attrazione passano attraverso il corpo: come scoprire se c'è interesse osservando l'orientamento del corpo e la direzione di braccia e gambe.

La scatola magica - Cerasa-Tomaiuolo - Recensione

La scatola magica - Cerasa-Tomaiuolo - recensione

"La scatola magica" è un saggio scritto da Antonio Cerasa e Francesco Tomaiuolo, curato da M. Temporelli e edito da Hoepli (marzo 2019).