Linguaggio del corpo: bocca e labbra

Il linguaggio del corpo passa dalla bocca: toccare o mordere le labbra e mostrare la lingua trasmettono attrazione, interesse ma anche rabbia o disgusto.

 

La bocca, dopo gli occhi, rappresenta una parte del corpo molto comunicativa anche se spesso i segnali che lanciamo torturando le labbra non sono facili da interpretare. Toccare le labbra con la mano, morderle, nasconderle o protenderle verso l'esterno possono indicare interesse o addirittura disprezzo. Scopriamo in maniera semplice tutti i segnali del linguaggio del corpo che coinvolgono le labbra.

 

Quando siamo particolarmente interessati al discorso di chi ci sta di fronte, spesso inconsapevolmente tendiamo a socchiudere le labbra tenendo lo sguardo fisso. In questo caso parliamo poco e ascoltiamo molto assumendo un atteggiamento quasi ipnotico dove perfino i cenni di assenso sono limitati.

Accostare la mano alla bocca può avere significati diversi

Avvicinare l'indice alle labbra senza coprirle trasmette un forte interesse nei confronti dell'interlocutore e la volontà di ascoltare per comprendere meglio anche se con una certa diffidenza.

 

Se l'indice è invece poggiato proprio sopra le labbra di traverso, con la nocca a livello dell'apertura della bocca, allora il messaggio che trasmettiamo è tutt'altro che positivo: in questo caso non siamo d'accordo con quanto l'altro ci dice ma le circostanze non ci permettono di esprimere un palese dissenso.

 

Un altro gesto subliminale che trasmette disapprovazione è quello di toccare gli angoli della bocca a labbra chiuse tirandoli leggermente verso l'esterno con le dita. Se invece la bocca è aperta, lo stesso messaggio viene trasmesso pizzicando un solo angolo delle labbra.

 

Avvicinare le dita alle labbra (tutte tranne il pollice) è un comune movimento che nasconde uno stato d'animo d'ansia o tristezza. In genere a causare questa sensazione è un segreto, qualcosa da nascondere che in qualche modo ci toglie serenità. Maggiore è la parte delle labbra nascosta dalle dita, maggiore è la nostra volontà di nascondere il segreto.

 

Spesso, soprattutto negli uomini, prevale la tendenza a sollevare il labbro inferiore con il dito indice. L'espressione che ne risulta non è del tutto piacevole da vedere così come non è piacevole il significato che il gesto nasconde. La posizione delle labbra sostenute dal dito imita infatti i movimenti dei muscoli facciali quando mostriamo disgusto. In questo caso ciò che vogliamo trasmettere è disprezzo o commiserazione.

 

Diverso è il caso in cui a toccare le labbra è il pollice: si tratta di un atto di autoconsolazione che richiama quello infantile di succhiarsi il dito. Viene manifestato quando prevale uno stato di sconforto e di conflitto interiore.

La lingua e i suoi segnali

Premere la lingua contro l'interno della guancia deriva dall'abitudine che avevamo da bambini di lasciare il cibo tra denti e guancia quando non ci andava giù. Con il tempo quest'atteggiamento viene sostituito dal movimento della lingua mantenendo però lo stesso significato: è un chiaro segnale di fastidio o disapprovazione nei confronti di ciò che stiamo ascoltando o guardando.

 

Lasciar intravedere la lingua con un gesto molto rapido equivale a trasmettere una sensazione di imbarazzo o conflitto. Si tratta di un gesto tipico dei bugiardi che mostrano in maniera inconsapevole il conflitto interiore che vivono mentre raccontano una bugia.

 

Un gesto molto simile è quello di passare rapidamente la lingua sul labbro inferiore. L'intenzione è quella di umettare le labbra poiché in situazioni di ansia e tensione la salivazione tende a diminuire dandoci quella fastidiosa sensazione di secchezza della bocca.

 

Se il gesto di passare la lingua sulle labbra è invece più lento e marcato, indica che siamo attratti da qualcosa o qualcuno. È un gesto di cui non ci rendiamo conto ma che insorge perché ciò che ascoltiamo o vediamo rievoca in noi dei ricordi e quindi delle sensazioni piacevoli non necessariamente legate all'attrazione fisica.

Cosa nascondono le labbra

Un gesto molto comune è quello di stringere le labbra portandole verso l'interno. È un atto che dobbiamo ai nostri antenati primitivi: deriva dall'intenzione di portare verso la bocca residui di cibo. Nel corso del tempo questo gesto ha assunto il significato di "portare verso l'interno" ciò che è buono in senso lato, le emozioni e le esperienze che ci fanno stare bene.

 

Protendere le labbra verso l'esterno come se volessimo baciare, è un gesto che deriva dall'atto del succhiare del neonato. Un segnale che nasce in maniera istintiva, da adulti, in risposta a stimoli piacevoli.

 

Anche succhiare il labbro inferiore è un atteggiamento che deriva dal gesto del neonato di mordicchiare il capezzolo ed è quindi associato a sensazioni di piacere e attrazione.

 

La differenza fondamentale che ci permette di distinguere se qualcuno sta provando sensazioni piacevoli o spiacevoli è data dalla visibilità dei denti.

Come abbiamo visto, mordersi le labbra è un gesto che indica attrazione e interesse ma se ci si morde le labbra mostrando i denti allora le cose cambiano. Nel mondo animale i denti rappresentano uno dei mezzi più importanti per mostrare aggressività: vengono infatti resi visibili durante le minacce prima dell'attacco e sono lo "strumento" di lotta per eccellenza.

L'uomo appartiene al mondo animale ma nel corso del tempo ha sviluppato mezzi di attacco molto più potenti dei denti, quindi questa forma di aggressività ha subito una regressione.

Il gesto però mantiene la sua connotazione negativa e viene manifestato come segnale subliminale nei momenti in cui siamo particolarmente tesi e nervosi e scarichiamo la rabbia mordendo le labbra o l'interno delle guance.

(Caterina Stile)

 

Questo articolo è ispirato al libro "I messaggi segreti del corpo", puoi sfogliarlo qui: 

 

Traumi familiari e coincidenze di date

Traumi familiari e coincidenze di date

Alcuni traumi familiari si verificano negli stessi periodi: secondo gli esperti, le coincidenze di date sarebbero dovute a una memoria transgenerazionale.

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini hanno meno paura delle donne: la scienza conferma il mito dell’uomo coraggioso esaltato fin dalla notte dei tempi. Il merito è del testosterone.

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo? Quanti calcoli possiamo fare? Scopriamo i numeri delle sinapsi cerebrali che rendono il cervello più potente di qualsiasi computer.

Single più felici? Dipende...

SINGLE PIÙ FELICI? DIPENDE...

Secondo la scienza i single sono più indipendenti, coltivano un maggior numero di relazioni sociali e hanno lavori più gratificanti. Ma sono anche più felici?

Sindrome di Laron: una speranza per tumore e diabete

Sindrome di Laron: una speranza per tumore e diabete

I pazienti con sindrome di Laron sono immuni a tumore e a diabete e protetti contro l'invecchiamento: dall'Ecuador nuovo impulso a ricerca e medicina.

Perché dormire fa bene al cervello

Perché dormire fa bene al cervello

Cosa fa il cervello quando siamo impegnati a dormire: recenti ricerche sottolineano l’importanza del sonno per contrastare le malattie neurodegenerative.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Quando un bambino piange, il cervello della mamma e quello del papà non reagiscono allo stesso modo: le donne spengono alcune aree cerebrali, gli uomini no.

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

Sguardo languido e sguardo penetrante: quando c'è di mezzo l'attrazione, uomini e donne sfoderano le proprie armi per sedurre. Conoscerle per riconoscerle.

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

"Se fa male, non è amore" di Montse Barderi è un saggio pubblicato da Feltrinelli nel 2018, tradotto in Italia da Claudia Marseguerra.