I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

 Gli atteggiamenti che assumiamo di fronte a una persona che ci interessa in maniera particolare sono molteplici. Quando però oltre il semplice interesse c'è nell'aria una vera e propria attrazione, è possibile individuare alcuni gesti messi in atto dagli uomini e dalle donne che hanno lo scopo di sedurre e testare il terreno.

 

Imitazione e atteggiamenti infantili

Un atteggiamento che indica un forte interesse è l'imitazione. Quando siamo molto coinvolti in una conversazione, incansapevolmente tendiamo a imitare i gesti del nostro interlocutore: le gambe, le braccia ma anche la postura nel suo complesso, se rispecchiano i movimenti dell'altro, indicano che c'è una forte sintonia.

 

Assumere atteggiamenti infantili, soprattutto da parte delle donne, ha un forte potere seduttivo. Gesti come quello di portare le ginocchia al mento avvolgendole con le braccia, stringersi le braccia attorno al tronco, appoggiare una mano alla guancia, sono forme di autocontatto tipiche dei bambini.

Se nei bambini l'obiettivo inconsapevole è quello di rafforzare il legame parentale, nelle donne l'intento è di apparire fragili e indifese. Anche se spesso si tratta di gesti dettati dall'inconscio, essi possono essere utilizzati per abbassare la guardia nell'uomo, un modo seducente e tutto femminile di apparire innocue tranquillizzando l'uomo e la sua autostima.

Sistemare il vestiario

L'intenzione di mostrarsi al meglio si riflette spesso in gesti anche inconsapevoli che coinvolgono l'abbigliamento. Sistemarsi ha tra l'altro un effetto rassicurante e di controllo al senso di imbarazzo tipico delle prime fasi di approccio.

In questi casi l'uomo concentra la sua attenzione sulla cravatta, sui polsini della camicia o tenta di sistemare i pantaloni tirandoli su. La donna sistema per lo più vestito, capelli e accessori.

 

Se invece tendiamo a toccare parte dell'abbigliamento non per sistemarlo ma per giocherellarci, allora il significato del gesto è molto più sottile. Si tratta in questo caso di manifestazioni di forte interesse che tentano di nascondere un coinvolgimento anche erotico.

  

Mostrare i muscoli

È un gesto tipicamente maschile ma non evidente come quello di Braccio di ferro. Si tratta di movimenti apparentemente ingenui che hanno lo scopo di mettere in evidenza l'apparato muscolare comunicando un senso di forza e prestanza fisica. Sollevare le maniche della camicia o della maglia, toccarsi i pettorali o le spalle e le braccia equivale, in termini seduttivi, all'esibizione di gambe e scollatura nelle donne.

Coprire la coscia o il ginocchio

L'intenzione apparente della donna sarebbe quella di coprire la coscia ma l'atto effettivo si tramuta in un sollevamento della gonna. In questi casi si fa affidamento al potere dell'immaginazione dell'uomo mostrando quel poco che basta a solleticare la fantasia. Un apparente pudore che può avere effetti devastanti sulle sicurezze maschili.

 

Questo articolo fa parte della sezione "I segnali dell'attrazione". Leggi gli altri articoli:

I segnali dell'attrazione: la postura

I segnali dell'attrazione: il contatto fisico

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: il volto

I segnali dell'attrazione: collo, capelli, spalle

 

 

Litigare (nel modo giusto) fa bene alla coppia

litigare nel modo giusto

Evitare di litigare con il partner è un atteggiamento tipico dell’età adulta ma nelle coppie giovani può essere il sintomo di qualcosa che non funziona.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.

Una canzone nella testa: perché si ripete e come rimediare

Quella canzone nella testa

Una canzone nella testa che si ripete in maniera ossessiva? Nessuna preoccupazione: la scienza fornisce un rimedio curioso alla portata di tutti.

L'ippocampo e la formazione dei ricordi

L'ippocampo e la formazione dei ricordi

La nascita dei ricordi avviene ad opera dell’ippocampo, una struttura del cervello che coordina informazioni vecchie e nuove provenienti dal mondo esterno.

Quando le diete non funzionano

Quando le diete non funzionano

Come perdere peso in maniera efficace e consapevole: secondo i ricercatori le diete dimagranti vanno personalizzate in base al microbiota del paziente.

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Nuove speranze per l’Alzheimer: il trapianto di cellule staminali neurali da cervello giovane a cervello invecchiato potrebbe rallentare il declino cognitivo.

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Quando un bambino piange, il cervello della mamma e quello del papà non reagiscono allo stesso modo: le donne spengono alcune aree cerebrali, gli uomini no.

Mordersi le labbra

mordersi le labbra

Nel linguaggio del corpo, mordersi le labbra indica aggressività. 

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

"Le carezze cambiano il DNA" di Roberto Giacobbo: un'analisi completa e chiara sull'epigenetica e sul nostro potere di cambiare il DNA con lo stile di vita.