Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori distratti dalla tecnologia: anche solo controllare un messaggio in chat disturba il rapporto con i figli che diventano nervosi e insofferenti.

 

Totalizzanti e sempre più invadenti, smartphone, tablet e pc sono diventati parte della quotidianità relegando spesso le interazioni sociali a brevi frasi buttate lì tra una chat e l'altra.

In strada, a tavola e persino in bagno, il tempo trascorso su uno schermo è in media superiore alle due ore al giorno. E i nostri figli ne soffrono più di quanto possiamo immaginare.

Se i genitori sono più connessi, i figli diventano più nervosi.

Uno studio incrociato condotto da diversi esperti dell'Università del Michigan e dell'Illinois State University, ha sottoposto 170 genitori a un sondaggio molto dettagliato riguardo il tempo trascorso su smartphone, tablet e pc in relazione al comportamento dei figli.

È stato necessario valutare molti fattori come lo stress, la depressione, i metodi educativi e il supporto del partner, ma in linea di massima è emerso un forte legame tra l'approccio alla tecnologia da parte dei genitori e i disturbi comportamentali dei figli.

 

Tra i genitori coinvolti nell'indagine, la metà ammette che la tecnologia interrompe i momenti di condivisione familiare almeno tre volte al giorno. Solo l'11% degli intervistati dichiara di non lasciare i figli per lo smartphone.

 

Il dott. Brandon T. McDaniel, primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Child Development, parla di "tecnoferenza" ovvero interferenza della tecnologia nel quotidiano. Non importa il tempo dedicato a smartphone e tablet: secondo gli esperti, anche solo controllare un messaggio in una chat disturba in maniera considerevole il momento che stiamo vivendo. Se, in particolare, siamo impegnati con i figli e la nostra attenzione si rivolge altrove anche solo per pochi secondi, diamo l'impressione di non essere coinvolti.

[Ti potrebbe interessare: l'amore della mamma stimola lo sviluppo del cervello]

I figli, crescendo, instaurano lo stesso rapporto con la tecnologia

I figli si comportano di conseguenza: broncio, capricci, lamenti e iperattività sono tra gli atteggiamenti più frequenti nei bambini che cercano di attirare l'attenzione.

[Ti potrebbe interessare: 10 consigli per avere figli felici]

Il risultato è quello di creare un muro invisibile di incomunicabilità che rende sempre più difficile interagire con i propri figli. E quando, raggiunta l'età dell'adolescenza, saranno loro a seguire il nostro esempio rispondendo a monosillabi con gli occhi incollati allo smartphone, non avremo argomenti di replica.

 

Gli esperti precisano che saranno necessarie nuove indagini prima di poter applicare questa relazione alla pratica clinica. I risultati della ricerca, però, aggiungono altri tasselli a un ambito di studio relativamente nuovo e inesplorato.

Ad esempio, i bambini che già presentano disturbi comportamentali (come l'iperattività) necessitano di un supporto maggiore da parte dei genitori: mostrare al contrario un atteggiamento distratto e poco coinvolgente fomenta in loro irrequietezza e instabilità emotiva.

 

Dedicarsi ai dispositivi elettronici e ai figli nello stesso momento e con la stessa efficacia è impossibile. D'altronde bandire la tecnologia dal nostro quotidiano sarebbe irreale e controproducente. Il segreto, come sempre, resta nell'equilibrio: dedicare il giusto tempo ai figli, al lavoro e al divertimento evitando che un aspetto prevarichi sull'altro contribuirà a rendere felici i più piccoli.

[Ti potrebbe interessare: il genitore perfetto]

(Caterina Stile)

Bibliografia

Brandon T. McDaniel, Jenny S. Radesky. Technoference: Parent Distraction With Technology and Associations With Child Behavior Problems. Child Development, 2017

 

 

Traumi familiari e coincidenze di date

Traumi familiari e coincidenze di date

Alcuni traumi familiari si verificano negli stessi periodi: secondo gli esperti, le coincidenze di date sarebbero dovute a una memoria transgenerazionale.

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Manifestare al partner la propria gratitudine e ridere insieme: piccoli trucchi per risvegliare un rapporto di coppia quando attraversa un momento difficile.

Non solo nozioni: l'intelligenza è flessibilità

Non solo nozioni: l'intelligenza è flessibilità

Cos'è l'intelligenza? Non basta il bagaglio culturale: una persona viene definita "intelligente" in base alla flessibilità delle sue reti neurali.

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore è una malattia che nasce dalle nostre cellule: mutazioni genetiche nel DNA rendono i nostri geni (oncogeni e oncosoppressori) alleati del cancro.

Quando le diete non funzionano

Quando le diete non funzionano

Come perdere peso in maniera efficace e consapevole: secondo i ricercatori le diete dimagranti vanno personalizzate in base al microbiota del paziente.

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni biologici e neuroni artificiali connessi a distanza di chilometri: lo studio visionario che pone le basi per la Neuro-elettronica via internet.

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco aumenta il rischio di obesità nei bambini piccoli: poche ore di sonno in meno e il consumo di calorie aumenta del 20% in un giorno solo.

Mostrare il piede - Seduzione

mostrare il piede seduzione

Mettere in risalto il piede è un gesto tipicamente femminile che attiva i meccanismi della seduzione

7 brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli - Recensione

7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.