I SEGRETI DEL BABY-TALK

L'apprendimento del linguaggio è uno dei compiti più ardui per i bambini: ecco alcune curiosità e i segreti per entrare in sintonia con i loro vocalizzi.

 Nei primi mesi di vita di ogni bambino si apre un mondo intero da conoscere ed esplorare, una rosa di individui con i quali interagire attraverso il contatto fisico e il linguaggio. I piccoli eroi si danno subito da fare imparando attraverso l'imitazione a raggiungere abilità anche complesse in poco tempo: riconoscere le persone e associarle alle voci, imparare la gestualità, la coordinazione e il movimento, interpretare le prime forme di comunicazione sono solo alcune delle difficoltà che i più piccoli superano con una naturalezza sorprendente arrivando a livelli di apprendimento che fino a 6-7 anni sono addirittura superiori a quelli degli adulti.

Apprendere il linguaggio è un compito complesso

Ogni fase segue il suo corso e il linguaggio non è la prima abilità a essere sviluppata. Secondo la professoressa Linda Polka, docente alla McGill University (Canada), imparare a parlare è un compito complesso che richiede molto tempo per gestire i movimenti delle labbra e i suoni prodotti dalle corde vocali. Per questo motivo i bambini di solito cominciano a esercitarsi nei vocalizzi quando sono da soli, cioè quando non sono distratti da interazioni o contatti visivi con gli altri che, nel loro piccolo mondo, sono assolutamente prioritari.

[Ti potrebbe interessare: genitori e tecnologia, quando dire basta]

Il miglior linguaggio per i bambini? Quello dei coetanei.

Un aspetto curioso del baby-talk è che sembra lasciare ai margini gli adulti: secondo uno studio condotto dalla prof. Polka, i bambini di sei mesi sono maggiormente attratti dai "discorsi" dei coetanei piuttosto che da quelli degli adulti.

I suoni vocali ripetuti da un bambino attirano l'attenzione dei più piccoli per più tempo (fino al 40% in più) rispetto agli stessi suoni ripetuti da una voce adulta. Non solo: molti bambini sottoposti allo studio hanno ascoltato la voce adulta con indifferenza mentre hanno mostrato un maggior coinvolgimento alla voce infantile con sorrisi e movimenti delle labbra. Secondo la prof. Polka, si tratta di chiari segnali di interazione che contribuiscono al processo di apprendimento del linguaggio. Riconoscendo infatti la voce come simile alla propria, i bambini si sentono in qualche modo incoraggiati a imitare i suoni prodotti, si rendono cioè conto che si tratta di qualcosa che è alla loro portata al contrario di ciò che invece è detto dai "grandi".

 

Apprendimento delle parole: meglio le sillabe ripetute

Questo preclude ogni tentativo di interazione tra adulti e bambini? Assolutamente no. Diversi studi dimostrano che i bambini imparano per imitazione e spesso sono proprio gli adulti più vicini a essere i soggetti privilegiati per la loro osservazione.

Come superare però la barriera di comunicazione? I gesti e il contatto fisico fanno la loro parte ma, per il momento in cui il linguaggio diventa una necessità impellente per un'interazione più profonda, gli esperti intervengono con i loro consigli: un trucco molto affidabile sembra essere quello di usare parole che abbiano sillabe ripetute come "ciuf-ciuf" al posto di "trenino".

[Ti potrebbe interessare: come migliorare l'apprendimento nei bambini]

Che i bambini preferiscano un vocabolario ricco di suoni ripetuti, soprattutto onomatopeici, è cosa risaputa ma perché è tanto importante lo rivela una ricerca proveniente dall'Università di Edimburgo dove il prof. Mitsuhiko Ota ha eseguito test visivi e di attenzione su bambini di 18 mesi per osservare la reazione di fronte a parole con sillabe ripetute e parole con sillabe diverse.

Le registrazioni dei movimenti oculari hanno evidenziato che i bambini restano più tempo a osservare le immagini associate a parole con sillabe ripetute: durante l'esperimento infatti, se sullo schermo davanti a loro erano visualizzate due immagini di un treno, i bambini si concentravano maggiormente su quella chiamata "ciuf-ciuf" anziché su quella chiamata "trenino".

 

"Ciò spiega perché nelle diverse culture del mondo i primi tentativi di comunicazione con i più piccoli sono ricchi di parole con sillabe ripetute" spiega il prof. Ota.

 

Parole importanti come "mamma" e "papà" sono infatti costituite da sillabe ripetute (ad esempio mamàn in francese, mamà in spagnolo e greco, mama in molte lingue tra cui russo e olandese, mamma nei paesi scandinavi oltre che in italiano, mami in albanese) a riprova del fatto che la scienza esplora e cerca risposte a domande a cui spesso il genere umano ha già risposto con l'istinto.

[Ti potrebbe interessare: piangi che ti passa]

 

 

 

Come migliorare l'apprendimento nei bambini

come migliorare l'apprendimento nei bambini

La scienza spiega i meccanismi di apprendimento nei bambini e fornisce suggerimenti per migliorarlo: sonno e tempo aumentano le performance del cervello.

Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori distratti dalla tecnologia: anche solo controllare un messaggio in chat disturba il rapporto con i figli che diventano nervosi e insofferenti.

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Quando un bambino piange, il cervello della mamma e quello del papà non reagiscono allo stesso modo: le donne spengono alcune aree cerebrali, gli uomini no.

Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

Dall'amore platonico al colpo di fulmine: secondo la teoria americana del triangolo dell'amore, tre sono gli elementi magici per relazioni felici e durature.

Sposarsi per sconfiggere il tumore

sposarsi per sconfiggere il tumore

Nella buona e nella cattiva sorte: i ricercatori hanno scoperto che il matrimonio ha il potere di contrastare il tumore grazie al supporto del partner.

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Nuove sfide in neuroscienze: la ricerca rivela che il cervello degli anziani può competere perfino con quello dei giovani nel campo delle sfide intellettive.

Quando le diete non funzionano

Quando le diete non funzionano

Come perdere peso in maniera efficace e consapevole: secondo i ricercatori le diete dimagranti vanno personalizzate in base al microbiota del paziente.

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

L’obesità infantile è un problema sempre più urgente: consigli e regole dagli esperti per promuovere la cultura della sana alimentazione sin da piccoli.

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.

Più tecnologia meno cervello

Più tecnologia meno cervello

Tecnologia e cervello: essere sempre connessi compromette la working memory e interrompe i momenti di relax necessari per consolidare memoria e apprendimento.