l'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

L’amore della mamma aumenta le dimensioni dell’ippocampo nel cervello dei bambini. Ciò vuol dire migliori capacità intellettive e resistenza allo stress.

Prendersi cura dei propri figli è sempre considerato un aspetto istintivo del rapporto madre-figlio, diversi studi dimostrano che il cervello delle donne è “programmato” alle cure parentali. Eppure, a prescindere dalla figura che si occupa dei bambini – madri, padri, nonni, genitori adottivi – è noto da tempo che le cure parentali hanno numerosi effetti positivi.

I bambini più seguiti e supportati durante la loro crescita, conseguono un migliore rendimento scolastico e uno sviluppo più sano.

Queste ricerche, basate su una correlazione socio-psicologica tra cure parentali e sviluppo del bambino, trovano ora conferma in uno studio guidato da L. Luby, professoressa di Psichiatria Infantile alla Washington University.

[Ti consiglio anche: rapporto madre-figlio, perché è così speciale]

L’amore della mamma e lo stress influenzano le dimensioni dell’ippocampo nel cervello dei bambini

L’ippocampo è la struttura cerebrale maggiormente implicata nei processi di apprendimento e memoria e le sue dimensioni sono direttamente correlate alle capacità intellettive.

[Per approfondire: l’ippocampo e la formazione dei ricordi]

Tra i bambini sottoposti allo studio, quelli che durante la crescita avevano sperimentato un supporto importante da parte di un adulto erano contraddistinti da un ippocampo maggiore del 10% rispetto ai bambini trascurati.

 

Il team di ricerca ha quindi evidenziato che i bambini più seguiti sono caratterizzati da un ippocampo più sviluppato e di dimensioni maggiori.

Non solo. L’ippocampo è una regione del cervello coinvolta anche in situazioni di stress: indagini precedenti sugli adulti hanno evidenziato che i soggetti depressi hanno un ippocampo meno esteso.

Gli esperimenti condotti alla Washington University hanno confermato quest’associazione.

Sono state analizzate le scansioni cerebrali di 92 bambini tra i 7 e i 10 anni ed è emerso che nei bambini depressi l’ippocampo ha un volume sensibilmente minore.

[Ti consiglio anche: l’allattamento al seno

aumenta la mielina nel cervello dei bambini]

Avere un ippocampo di dimensioni maggiori influisce sulle capacità intellettive e la stabilità personale

Sulla base di risultati incoraggianti anche nei test condotti sugli animali, i dati di questa ricerca aprono nuove prospettive di studio per il futuro.

Nei ratti, ad esempio, quando una madre lecca il proprio cucciolo, si verificano dei cambiamenti a livello epigenetico che influiscono sull’aumento di dimensioni dell’ippocampo.

 

Anche nei primati sono stati scoperti meccanismi simili ma ancora non è noto come ciò avvenga negli esseri umani.

È ormai dimostrato, invece, che l’ippocampo è la maggiore struttura implicata nei processi di stress e depressione mediati attraverso ormoni che aumentano la frequenza cardiaca e l’adattamento a situazioni stressanti.

Se, quindi, la presenza della madre con il suo amore e il suo sostegno costante facilita lo sviluppo dell’ippocampo, il bambino non solo avrà uno sviluppo intellettivo precoce e significativo ma sarà anche maggiormente “adattato” ad affrontare circostanze nuove che lo metteranno alla prova, sarà più forte e di conseguenza meno propenso a lasciarsi sopraffare da atteggiamenti depressivi.

[Ti consiglio anche: cosa accade nel cervello di mamma e papà

quando il piccolo piange]

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

L’obesità infantile è un problema sempre più urgente: consigli e regole dagli esperti per promuovere la cultura della sana alimentazione sin da piccoli.

Potenziare la memoria nei bambini

Potenziare la memoria nei bambini

L'apprendimento dei bambini può essere allenato attraverso l'uso di esercizi intensivi che migliorano non solo la memoria ma tutte le abilità del cervello.

Il vaccino non è un'opinione - Roberto Burioni - recensione

Il vaccino non è un'opinione - recensione

Roberto Burioni, medico e divulgatore scientifico italiano, è autore del saggio Il vaccino non è un'opinione (Mondadori, 2016) vincitore del premio Asimov 2017.

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

La Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome) identifica gravi danni neurologici e perfino morte causati da scuotimento energico dei neonati.

Giovani alla guida: il corpo striato regola gli atteggiamenti rischiosi - come rimediare

Giovani alla guida: il corpo striato regola gli atteggiamenti rischiosi

Giovani alla guida: la presenza di un adulto nei primi mesi al volante “modella” l’azione del corpo striato nel cervello e abitua a una guida più prudente.

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio si trasmette per via ereditaria: una nuova ricerca scopre nel DNA i geni che influenzano le relazioni di coppia e la tendenza a divorziare.

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

"Se fa male, non è amore" di Montse Barderi è un saggio pubblicato da Feltrinelli nel 2018, tradotto in Italia da Claudia Marseguerra.

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

La lettura ad alta voce come strumento didattico democratico per colmare le lacune della scuola: l’ambizioso progetto del professor Batini

Al centro dell'attenzione: come reagisce il cervello degli adolescenti

Al centro dell'attenzione: come reagisce il cervello degli adolescenti

Il corpo striato nel cervello degli adolescenti impazzisce: ecco perché amano sentirsi sempre al centro dell’attenzione e assumere atteggiamenti rischiosi.

10 consigli per avere figli felici

10 consigli per avere figli felici

I vostri figli non sono mai felici? Forse è ora di cambiare metodo. Dalla scienza 10 consigli per valorizzare il rapporto genitori-figli e vederli sorridere.

La voce maschile: cosa dice di un uomo e perché attrae le donne

il potere della voce

La voce maschile rivela la condotta di un uomo: se modulata su toni bassi, indica che lui è più attraente ma poco affidabile. L’evoluzione ci spiega perché.

Single più felici? Dipende...

SINGLE PIÙ FELICI? DIPENDE...

Secondo la scienza i single sono più indipendenti, coltivano un maggior numero di relazioni sociali e hanno lavori più gratificanti. Ma sono anche più felici?