L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

Allattamento al seno: il latte materno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati rendendo i neuroni più veloci ed efficienti.

Indice

Analizzare il cervello dei neonati per confermare i benefici dell’allattamento al seno

l’allattamento al seno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati e dei bambini

Una prova inconfutabile

L’allattamento è un aspetto della maternità che affascina da sempre gli studiosi. I risultati di numerose ricerche confermano l’importanza dell’allattamento al seno sia per il neonato sia per la mamma.

Come già noto, il latte materno riduce l’incidenza di alcune malattie (ad esempio il diabete mellito di tipo 2), aumenta la produzione dei fattori di crescita che promuovono uno sviluppo fisico maggiore e rafforza le difese immunitarie.

Per la mamma, tra i tanti vantaggi, si evidenzia anche una riduzione del rischio di sviluppare il tumore al seno.

Altri studi focalizzano l’attenzione sull’aspetto comportamentale (eh sì, l’allattamento c’entra anche qui): il contatto pelle a pelle permette di stabilire una relazione speciale tra madre e figlio che renderà il piccolo più sicuro nelle relazioni sociali da grande.

Ma la ricerca non si ferma qui.

Analizzare il cervello dei neonati per confermare i benefici dell’allattamento al seno

Attraverso l’utilizzo di una nuova tecnica di risonanza magnetica messa a punto da Sean Deoni, assistente professore di Ingegneria alla Brown University (Rhode Island, USA), è stato possibile visualizzare e studiare il cervello di bambini molto piccoli durante il sonno.

L’attenzione dei ricercatori si è concentrata sulla materia bianca del cervello, una sostanza costituita da una glicoproteina chiamata mielina che circonda i neuroni rendendo più veloce ed efficiente la comunicazione nervosa. La mielina è tipica degli organismi superiori nella scala evolutiva e aumenta man mano che l’individuo cresce e sviluppa nuove capacità.

Il team di Sean Deoni ha seguito 133 bambini di età compresa tra i 10 mesi e i 4 anni per stabilire se l’allattamento al seno possa influenzare lo sviluppo della mielina. I bambini sono stati distinti in tre gruppi in base alla modalità di alimentazione:

  • primo gruppo: allattamento materno esclusivo
  • secondo gruppo: allattamento materno e artificiale
  • terzo gruppo: allattamento artificiale esclusivo

In ogni gruppo sono state comparate le immagini cerebrali dei bambini più piccoli e quelle dei bambini più grandi in modo da valutare le traiettorie di crescita della sostanza bianca nel tempo.

I risultati non lasciano dubbi: l’allattamento al seno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati e dei bambini

I risultati sono stati definiti incredibili dagli stessi ricercatori: il confronto tra il primo e il terzo gruppo ha evidenziato una crescita della mielina più rapida addirittura del 20-30% nei bambini allattati esclusivamente al seno i quali presentavano una quantità di mielina nettamente superiore già a due anni.

I bambini che invece seguivano nei primi mesi un’alimentazione mista presentavano una crescita più lenta della mielina rispetto al primo gruppo ma più rapida rispetto al terzo.

In una successiva fase dello studio sono stati effettuati test cognitivi sui bambini più grandi e anche in questo caso i risultati più positivi sono stati ottenuti dai bambini del primo gruppo i quali mostravano migliori performance di linguaggio, di controllo motorio e migliore ricezione visiva. In particolare le aree cerebrali associate alla funzione motoria mostravano una significativa crescita in caso di allattamento per oltre un anno.

È incredibile riscontrare tanta differenza così precocemente” ha affermato il prof. Deoni.

Numerose ricerche rivelano che i bambini allattati al seno presentano un quoziente intellettivo più elevato, ottengono risultati scolastici migliori, sono più inclini ad affermarsi nella società, guadagnano di più e sono più sicuri di sé.

In realtà si tratta di indagini che, pur autorevoli, si limitano a uno studio della funzione intellettiva a livello sociologico e comportamentale basato su evidenze statistiche.

L’innovazione di questo studio, invece, permette di colmare il gap tra allattamento e capacità cognitive a livello anatomico.

Una prova inconfutabile che l’allattamento al seno agisce potenziando il cervello dei bambini

In attesa di sapere quali siano le componenti del latte materno in grado di agire sulla mielina e con quali meccanismi, i risultati confermano che l’allattamento al seno influisce in maniera positiva sulla trasmissione neuronale nel breve e nel lungo termine.

(Caterina Stile)

Biblio/sitografia

Brown University. "MRI study: Breastfeeding boosts babies' brain growth." ScienceDaily. ScienceDaily, 6 June 2013. <www.sciencedaily.com/releases/2013/06/130606141048.htm>

Cause dell'Alzheimer: come prevenirlo in 3 mosse

scopri se avrai l'alzheimer

Le cause dell’Alzheimer non sono ancora note ma i fattori di rischio sì. Ecco come prevenire e scoraggiare in tempo la demenza senile con le buone abitudini.

Inside out: il film d'animazione sul cervello

Inside out: il film d'animazione del cervello

Inside out, il film d’animazione che spiega ai bimbi le emozioni, la struttura del cervello, la memoria e i sogni. Divertente e istruttivo anche per i grandi!

Elogio della lentezza - Lamberto Maffei

Elogio della lentezza, Lamberto Maffei

Nel libro "Elogio della lentezza" Lamberto Maffei evidenzia l'importanza di prendersi del tempo per valorizzare la propria vita e preservare il cervello.

Giovani alla guida: il corpo striato regola gli atteggiamenti rischiosi - come rimediare

Giovani alla guida: il corpo striato regola gli atteggiamenti rischiosi

Giovani alla guida: la presenza di un adulto nei primi mesi al volante “modella” l’azione del corpo striato nel cervello e abitua a una guida più prudente.

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Scoperta una relazione tra il tipo di apprendimento (esplicito o implicito) e le onde cerebrali emesse dal cervello: nuove applicazioni per l'Alzheimer.

I segnali dell'attrazione: collo, capelli, spalle

Il collo, i capelli e le spalle sono i "mezzi" coinvolti nei momenti di seduzione, le parti del corpo che lanciano inconsapevoli messaggi di attrazione.

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i nuovi sistemi di autenticazione si preoccupano più della nostra identità virtuale che di quella reale. L'allarme dei ricercatori.

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile, di S. Moalem, è un libro innovativo e commovente che scardina le convinzioni della genetica e dona dignità alle malattie rare.

Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

"Nella mente degli altri" di Giacomo Rizzolatti e Lisa Vozza è un saggio esaustivo e autorevole che approfondisce il tema dei neuroni specchio a 360 gradi.

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Come migliorare le capacità di problem solving: la scienza consiglia di puntare sull'intuizione più che sull'analisi e concedersi il giusto tempo di riposo.

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

L’invecchiamento cerebrale si combatte in anticipo: sin da bambini è possibile potenziare il cervello aumentando lo spessore della corteccia cerebrale.

Cyberbullismo:davvero i giovani sono esperti di internet?

Cyberbullismo:davvero i giovani sono esperti di internet?

Nativi digitali: esperti informatici o spaventati esploratori? Come guidare i giovani all'uso consapevole di internet e prevenire il cyberbullismo.