Gli opposti non si attraggono

 Nessuno cambia, neanche per amore. Nelle relazioni di coppia i caratteri opposti non si uniformano l’uno all’altra: meglio allora cercare il proprio simile.

 I primi momenti di una relazione di coppia sono spesso i più felici, quelli durante i quali la mente e il cuore sono impegnati in una scoperta continua dell’altro. Opinioni, idee, valori prendono voce nei discorsi e nei silenzi e poco a poco sembra ci si trovi sulla stessa lunghezza d’onda modellandosi a vicenda. Questa è l’opinione comune, ma cosa ne pensa la scienza? 

Durante una relazione il cambiamento è tanto difficile quanto improbabile.

È quanto affermano i ricercatori Angela Bahns, assistente docente di Psicologia al Wellesley College (Massachusetts), e Chris Crandall, docente di Psicologia all’Università del Kansas, che hanno guidato lo studio un recente studio sulle dinamiche di coppia.

 

In particolare, gli studiosi si sono preoccupati di monitorare le relazioni a lungo termine in modo da verificare l’insorgenza di cambiamenti a livello personale durante l’interazione.

 

Le coppie (composte da partner, amici o semplici conoscenti) sono state sottoposte a questionari riguardo attitudini, valori, pregiudizi, tratti personali e comportamentali che ogni partecipante riteneva importanti all’interno della relazione.

I risultati di questi test sono stati confrontati nel tempo e hanno permesso ai ricercatori di asserire con certezza che, nelle coppie formate da individui che sono molto dissimili, non si sono verificati particolari cambiamenti nelle opinioni personali, segno che nonostante l’interazione reciproca ogni individuo è rimasto pressappoco sulle proprie posizioni.  

[Ti consiglio: il conflitto nella vita di coppia]

Lo stesso concetto vale anche per le coppie formate da persone che presentano punti di vista molto affini: nel tempo il cambiamento personale è minimo. Questo non vuol dire che l’influenza sociale non sia presente: al contrario, se due persone hanno opinioni molto simili tenderanno a vivere facilmente su binari paralleli e il cambiamento non sarà quindi un fattore determinante della relazione.

Caratteri opposti e relazioni di coppia

Il partner quindi non ci cambierà e noi non cambieremo lui sia che si tratti di una relazione di coppia sia che si tratti di un’amicizia. Nonostante i conflitti.

[Per approfondire: litigare (nel modo giusto) fa bene alla coppia]

Valutando però i diversi tipi di interazione a due, i ricercatori hanno riscontrato che

{tweetme}è molto più probabile che ogni individuo cerchi il proprio simile per una relazione stabile {/tweetme}

Gli opposti non si attraggono, sottolineano Bahns e Crandall, asserendo che lo sviluppo di una relazione di coppia dipende fortemente dal livello di somiglianza condivisa sin dall’inizio dell’interazione.

 

I dati non lasciano scampo, ma cosa spinge ognuno di noi a evitare persone con opinioni e comportamenti molto diversi dai nostri? Secondo i ricercatori, ogni individuo tende a creare attorno a sé un mondo piacevole, confortevole in cui sentirsi a proprio agio e nel quale non ci siano scontri continui per affermare le proprie idee.

Caratteri opposti: pro e contro

Preferire un ambiente simile ai nostri ideali non vuol dire escludere totalmente il confronto dalla nostra vita.

Dalle indagini effettuate sembra che in ambienti molto affollati ognuno cerchi il proprio simile ma in ambienti in cui la scelta sociale è meno vasta, ci si adatta facilmente instaurando relazioni positive anche con chi ha una visione del mondo molto diversa dalla nostra. E questo è un bene.

Infatti, riducendo le relazioni sociali nel range di persone simili si avrà un’esposizione molto più limitata a credenze e idee diverse, meno confronto insomma. E la psicologia insegna che il confronto è alla base della stabilità dell’identità personale così come dell’ideologia e dei sistemi di valori che ognuno costruisce esperienza dopo esperienza.

Cercare l’anima gemella, quindi, è un bene o un male?

Dipende. Innanzitutto non si tratta di una scelta oggettiva ma di meccanismi psicologici e comportamentali istintivi che ci fanno propendere verso alcune persone e non altre. L’aspetto fondamentale di questo studio è la conferma che i propri valori e le proprie idee possono subire scossoni anche gravi durante l’arco della propria esistenza ma non cambiano. E tanto meno sarà un amico o una donna a farci cambiare. I fattori che variano in una relazione sono quelli meno rilevanti – l’aspetto fisico, le abitudini quotidiane – che seguono un corso diverso e spesso sono “camuffati” durante la fase di corteggiamento. Gli aspetti più importanti, invece, quelli che ci rendono noi stessi con pregi e difetti, che ci fanno vedere il mondo sotto una certa luce non possono rispecchiarsi nel punto di vista di chi guarda in tutt’altra direzione.

 

In caso di relazioni di coppia o di amicizia che prospettano legami a lungo termine, è bene cercare il proprio simile con cui condividere necessità e obiettivi sin dall’inizio perché il confronto è positivo ma una lotta lunga una vita potrebbe essere estenuante.

 

 

La voce maschile: cosa dice di un uomo e perché attrae le donne

il potere della voce

La voce maschile rivela la condotta di un uomo: se modulata su toni bassi, indica che lui è più attraente ma poco affidabile. L’evoluzione ci spiega perché.

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini hanno meno paura delle donne: la scienza conferma il mito dell’uomo coraggioso esaltato fin dalla notte dei tempi. Il merito è del testosterone.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni biologici e neuroni artificiali connessi a distanza di chilometri: lo studio visionario che pone le basi per la Neuro-elettronica via internet.

Come migliorare l'apprendimento nei bambini

come migliorare l'apprendimento nei bambini

La scienza spiega i meccanismi di apprendimento nei bambini e fornisce suggerimenti per migliorarlo: sonno e tempo aumentano le performance del cervello.

I segnali dell'attrazione: la postura

I segnali dell'attrazione: la postura

I segnali dell'attrazione passano attraverso il corpo: come scoprire se c'è interesse osservando l'orientamento del corpo e la direzione di braccia e gambe.

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

"Le carezze cambiano il DNA" di Roberto Giacobbo: un'analisi completa e chiara sull'epigenetica e sul nostro potere di cambiare il DNA con lo stile di vita.