Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

Indice dei contenuti:

Le relazioni a distanza ai tempi del coronavirus

Come si comunica nelle relazioni a distanza?

Qual è il segreto per una relazione a distanza duratura?

Le relazioni a distanza ai tempi del coronavirus

Le relazioni a distanza non sono semplici da sostenere: bisogna affrontare telefonate infinite, appuntamenti in videochat e soprattutto l'esigenza forte di contatto fisico. Un'esperienza di certo complicata con la quale si trovano a fare i conti molte coppie ai tempi della quarantena da COVID-19. Alcune storie tendono a naufragare, complici lo stress o la superficialità del rapporto, ma molti innamorati potrebbero sperimentare oggi ciò che i ricercatori affermano da tempo: le relazioni a distanza sono più intime.

Come si comunica nelle relazioni a distanza?

Diversi studi si sono concentrati su aspetti emotivi come la gestione dei problemi, la gelosia e lo stress. Una nuova ricerca, condotta in sintonia tra la City University of Hong Kong e la Cornell University, ha dimostrato invece che la relazione a distanza permette una comunicazione molto più intima.

I ricercatori Crystal Jiang e Jeffrey Hancock hanno confrontato le modalità di comunicazione e interazione nelle coppie a distanza e in quelle geograficamente vicine. Interazione faccia a faccia, telefonate, videochat, messaggistica e email poste sotto la lente per una settimana.

Il risultato?

Nelle relazioni a distanza, uomini e donne sono capaci di condividere in maniera più intima le proprie esperienze e ciò che li riguarda: fondano il rapporto sulla comunicazione e la condivisione verbale. Non si tratta però solo di una fredda analisi dei messaggi: i partner impegnati in relazioni a distanza hanno la percezione che anche la loro metà sia più coinvolta emotivamente e disponibile a confidarsi.

Qual è il segreto per una relazione a distanza duratura?

Se esistono segreti per mantere in vita le relazioni a distanza, di certo sono soggettivi e legati alle diverse condizioni che ogni coppia sperimenta.

Secondo i ricercatori è però possibile spiegare questa discrepanza nella comunicazione tra la relazione a distanza e un rapporto di vicinanza ricorrendo a due aspetti: la disponibilità ad aprirsi e la tendenza a idealizzare i comportamenti del partner.

Nascosti dietro uno schermo è forse più facile mostrarsi sensibili e vulnerabili, condividere emozioni e sentimenti che la frenetica routine può sovrastare e camuffare. La distanza aiuta a scremare quanto di superficiale può esserci in una relazione conferendo pathos e autenticità alla fatidica espressione: mi manchi.

È bene, però, restare con i piedi piantati a terra: idealizzare il partner è uno dei motivi che, secondo i ricercatori, tiene vivi i rapporti a distanza ma il pericolo di uno scivolone è sempre dietro l'angolo.

Chissà quanti mi manchi affollano le chat e le telefonate in questo lungo, difficile periodo di quarantena, ma la speranza di riabbracciarsi più forte di prima renderà sublime anche questa attesa.

Vuoi sapere se c'è attrazione tra voi? Impara a osservare il linguaggio del corpo!

(Caterina Stile)

Biblio/Sitografia

L. Crystal Jiang, Jeffrey T. Hancock. Absence Makes the Communication Grow Fonder: Geographic Separation, Interpersonal Media, and Intimacy in Dating RelationshipsJournal of Communication, 2013; 63 (3): 556 DOI: 10.1111/jcom.12029

La voce maschile: cosa dice di un uomo e perché attrae le donne

il potere della voce

La voce maschile rivela la condotta di un uomo: se modulata su toni bassi, indica che lui è più attraente ma poco affidabile. L’evoluzione ci spiega perché.

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini hanno meno paura delle donne: la scienza conferma il mito dell’uomo coraggioso esaltato fin dalla notte dei tempi. Il merito è del testosterone.

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Scoperta una relazione tra il tipo di apprendimento (esplicito o implicito) e le onde cerebrali emesse dal cervello: nuove applicazioni per l'Alzheimer.

Tutto quello che non sai sul cioccolato

tutto quello che non sai sul cioccolato

Potenzia cuore e cervello, contrasta l’invecchiamento, fa dimagrire ma crea dipendenza: il cioccolato stimola gli stessi centri nervosi attivati dalle droghe.

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

I neuroni specchio aprono una nuova strada nello studio della psicologia e del comportamento umano. Scopriamo in maniera semplice cosa sono e come funzionano.

I benefici del tè

I benefici del tè

Il tè contrasta malattie cardiovascolari e ipertensione e protegge il cervello dal declino cognitivo legato all'età: ma quale tè apporta più benefici?

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

Meglio stampato o corsivo?

meglio stampato o corsivo?

Corsivo, stampato o entrambi? Imparare a scrivere significa acquisire nuove abilità grafico-motorie, ma c’è davvero utilità nell’insegnare entrambi gli stili?

Il contatto fisico

il contatto fisico

Il contatto fisico rivela il carattere: chi lo evita è rigido e autoritario, chi lo cerca è indipendente, cordiale e sicuro di sé.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.