Differenze uomo-donna: la scelta del partner

Cosa influenza i nostri comportamenti nella scelta del partner? L'attrazione fisica e l'evoluzione spiegano le differenze tra uomo e donna.

La scelta del partner è un meccanismo molto complesso che attiva tutto il nostro essere ma il primo aspetto coinvolto è sempre l'attrazione fisica. Il colpo di fulmine, la sensazione che il destino ci abbia messo lo zampino sono in realtà impressioni che scaturiscono da "scintille" nel nostro cervello.

Cosa cercano uomini e donne in un partner? Intelligenza, affidabilità, conforto, protezione? Niente di tutto questo, non all'inizio almeno. L'attrazione fisica con la sua orchestra di segnali non verbali è il motore che dà l'impulso a una serie di reazioni fisiologiche ben precise che uomo e donna mettono in atto in maniera spesso inconsapevole.

Ed è qui che entra in campo l'evoluzione. Non ce ne rendiamo mai conto, ma la scelta del partner è guidata da istinti primordiali che ci spingono verso persone dell'altro sesso che mostrino un buon potenziale riproduttivo. Ma per comprendere le dinamiche che ci spingono ad agire in questa fase dobbiamo avere ben chiare le differenze tra uomini e donne in termini di riproduzione.

[Leggi anche: differenze uomo-donna, comportamento e relazioni]

Differenze uomo-donna: la riproduzione

L'uomo e la donna raggiungono la maturità sessuale durante l'adolescenza ma la natura ha previsto meccanismi differenti per far fronte alle esigenze biologiche.

La donna è la protagonista delle gravidanze e dei successivi periodi di accudimento della prole: porta dentro di sé la nuova vita per nove mesi affrontando cambiamenti fisici e biochimici impressionanti, deve far fronte all'allattamento più o meno lungo e all'accudimento del neonato. Si tratta di fasi che coinvolgono ogni aspetto della vita di una donna impegnando le sue forze fisiche e mentali in un'impresa che comporta un dispendio di energia notevole.

È evidente che la donna non può permettersi troppe gravidanze, la natura ha quindi fatto in modo che la fertilità femminile sia regolata da queste esigenze: pochi giorni fertili al mese e il blocco del ciclo mestruale durante gravidanza e allattamento permettono alle donne di evitare eccessivi dispendi energetici.

Per l'uomo è tutt'altra storia. Potenzialmente l'uomo è grado di spargere il suo seme sempre e ovunque dalla maturità sessuale alla morte (ho scritto potenzialmente!). Gli spermatozoi vengono prodotti in maniera costante e nulla vieta all'uomo di fecondare più partner contemporaneamente: il dispendio energetico è minimo e non ci sono tempi biologici da rispettare.

[Ti consiglio anche: donne vs uomini – il tradimento]

Cosa c'entra tutto questo con la scelta del partner?

Molto in effetti: conoscere le differenze biologiche tra i due sessi rende più facile comprendere il perché di alcuni meccanismi.

Gli obiettivi biologici dell'uomo e della donna sono fondamentalmente due: per lui essere certo della buona salute della donna che dovrà allevare i suoi figli, per lei assicurarsi un legame duraturo che le permetta di accudire i piccoli e garantire loro cibo e stabilità anche quando sarà stremata da gravidanze e allattamento.

Non fa una piega.

Prima di tutto, però, bisogna vedere il partner alla luce dell'evoluzione.

[Leggi anche: donne e attrazione, sfatiamo un mito]

Nel prossimo articolo scopriremo quali aspetti influenzano la scelta del partner.

Un'anticipazione? Eccola:

Secondo gli scienziati, gli uomini cercano oggetti di sesso, le donne oggetti di successo. L'evoluzione ci spiega perché.

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Scoperta una relazione tra il tipo di apprendimento (esplicito o implicito) e le onde cerebrali emesse dal cervello: nuove applicazioni per l'Alzheimer.

Emozioni contagiose: il legame biologico tra esseri umani

emozioni contagiose: il legame biologico tra esseri umani

Esiste la prova che le emozioni degli altri influenzano il nostro cervello: i neuroni specchio spiegano che l'empatia è la chiave per relazioni sociali felici.

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco aumenta il rischio di obesità nei bambini piccoli: poche ore di sonno in meno e il consumo di calorie aumenta del 20% in un giorno solo.

Trapianto di cuore e memoria cellulare: e se i ricordi passassero da donatore a ricevente?

Trapianto di cuore e memoria cellulare: e se i ricordi passassero da donatore a ricevente?

Può il trapianto di cuore trasmettere emozioni, informazioni e ricordi dal donatore al ricevente? La memoria cellulare potrebbe spiegare la relazione.

Einstein, genio senza confini - P.Baccalario (recensione)

Einstein, genio senza confini - Baccalario - Recensione
Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo.

Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico di Einsten.

Elogio della lentezza - Lamberto Maffei

Elogio della lentezza, Lamberto Maffei

Nel libro "Elogio della lentezza" Lamberto Maffei evidenzia l'importanza di prendersi del tempo per valorizzare la propria vita e preservare il cervello.

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Quando un bambino piange, il cervello della mamma e quello del papà non reagiscono allo stesso modo: le donne spengono alcune aree cerebrali, gli uomini no.

Donne vs uomini: il tradimento

perché gli uomini tradiscono più delle donne

Perché gli uomini tradiscono più delle donne? Tra le tante cause del tradimento, per l’uomo giocano un ruolo importante autocontrollo e istinti sessuali.

Il Big Bang e la nascita dell'Universo - Sergio Rossi (recensione)

Il Big Bang e la nascita dell'Universo - Sergio Rossi - recensione

"Il Big Bang e la nascita dell'Universo" (Edizioni EL, collana "Che storia!") spiega gli affascinanti misteri dell'astronomia ai più piccoli.

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

L'asimmetria del cervello influenza l'apprendimento nei bambini

I bambini hanno esigenze di apprendimento diverse: una nuova ricerca correla le capacità cognitive dei più piccoli all’asimmetria del loro cervello.