Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Manifestare al partner la propria gratitudine e ridere insieme: piccoli trucchi per risvegliare un rapporto di coppia quando attraversa un momento difficile.

Indice

Le emozioni nel rapporto di coppia

Parola d'ordine: gratitudine

Ridere insieme rafforza il rapporto di coppia

Le relazioni sociali sono la base del nostro vivere quotidiano ma i legami più forti, quelli che condizionano l'emotività e le scelte di vita, sono i rapporti con i figli e il partner ai quali dedicare tempo, cure e affetto. Eppure non sempre tutto va per il verso giusto: secondo recenti sondaggi, i problemi nelle relazioni di coppia rappresentano il primo dei motivi per cui si ricorre al supporto di specialisti.

Le emozioni nel rapporto di coppia

Cos'è che crea tanti problemi tra i partner? La risposta purtroppo non esiste, spesso si tratta di una serie di motivazioni che creano dissapori continui e interrompono la serenità della condivisione. L'innamoramento è la fase più felice e entusiasmante di un rapporto di coppia, ma quando poi si tratta di vivere insieme a lungo, i problemi non tardano a presentarsi.

La professoressa Sara Algoe, docente di psicologia sociale all'Università della Carolina del Nord, ha studiato a lungo le relazioni sociali per comprendere cosa si nasconde alla base di un rapporto di coppia felice e sottolinea un concetto semplice quanto nuovo: quando ci allontaniamo dal partner (anche solo per andare al lavoro), il sentimento che proviamo nei suoi confronti sarà lo stesso che proveremo nel rivederlo. Fateci caso: se uscite di casa subito dopo un litigio, non tornerete certo con il sorriso sulle labbra, anzi avrete un atteggiamento circospetto e forse ancora arrabbiato; al contrario, se il vostro partner vi ha appena fatto un regalo molto gradito, non vedete l'ora di tornare a casa.

 

Saremo tristi o saremo felici, che importa? Saremo l'uno accanto all'altra. E questo deve essere, questo è l'essenziale. (Gabriele D'Annunzio)

 

Sono numerosi gli aspetti tenuti in conto durante gli esperimenti sociali condotti dalla prof.ssa Algoe, ma due sembrano avere un impatto molto forte sulla felicità dei rapporti di coppia.

Parola d'ordine: gratitudine

Durante gli otto anni trascorsi a studiare le dinamiche delle relazioni sociali, la prof.ssa Algoe ha condotto diversi studi soprattutto sulle coppie. Uno di essi, particolarmente rilevante, dimostra il forte impatto che ha la gratitudine sul rapporto di coppia.

Per lo studio, 47 coppie di età compresa tra i 24 e i 40 anni che erano insieme da 5 anni sono state divise in due gruppi. Alle coppie del primo gruppo è stato chiesto di interagire e discutere dettagli poco rilevanti del giorno precedente, a quelle del secondo gruppo è stato chiesto invece di esprimere la propria gratitudine nei confronti del partner.

Le interazioni, ripetute fino a 6 volte nell'arco di 30 giorni, sono state videofilmate.

Inoltre i partecipanti hanno compilato ogni sera un questionario per annotare la responsività del partner e la serenità del rapporto di coppia completando domande del tipo: "Oggi la tua relazione è stata..."

 

Analizzando i filmati e i questionari, la prof.ssa Algoe ha potuto constatare che la gratitudine rafforza il rapporto di coppia. Sono stati proprio i partecipanti del secondo gruppo – a differenza di quelli del primo – a sottolineare che la relazione con il partner sembrava loro più positiva e propensa al cambiamento.

Ridere insieme rafforza il rapporto di coppia

Se dire grazie è auspicabile in un rapporto di coppia, ridere insieme è indispensabile. Sono diversi gli studi condotti in questo campo ma, finora, nessuna ricerca aveva dato un fondamento chiaro e diretto agli effetti della risata sulla serenità di una relazione.

La prof.ssa Algoe ha filmato 77 coppie mentre chiedeva loro di raccontarle il primo incontro – chi non ha qualche aneddoto divertente riguardo il primo incontro con il proprio partner?

La ricercatrice in realtà non era interessata alle storie ma alle reazioni dei partner durante il racconto, in particolare nei momenti divertenti.

I risultati dello studio hanno permesso di confermare che ridere insieme è un fortissimo indicatore di sintonia tra i partner. In particolare, le persone che ridono insieme per più tempo, sentono di essere più simili al partner e soprattutto più supportati. Si instaura una sorta di convergenza di pensiero che contribuisce a minimizzare gli eventi e a creare quel trait d'union invisibile e speciale che rende felici e durature alcune relazioni.

 

L'amore non è una passione. L' amore non è una emozione. L'amore è una comprensione profonda del fatto che in qualche modo l'altro ti completa. Qualcuno ti rende un cerchio perfetto; la presenza dell'altro rinforza la tua presenza. (Osho)

 

Una curiosità: le relazioni sociali hanno sulla longevità lo stesso impatto che 15 sigarette al giorno hanno sulla mortalità. Attenzione quindi a scegliere quelle giuste!

(Caterina Stile)

Biblio/sitografia

 University of North Carolina at Chapel Hill. "The little things: Gratitude and shared laughter strengthen romantic partnerships." ScienceDaily. ScienceDaily, 22 February 2016. <www.sciencedaily.com/releases/2016/02/160222144546.htm>.

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Molti virus, tra cui i coronavirus, trovano un serbatoio naturale nei pipistrelli ma è la mutazione genetica a conferire loro il potere di trasferirsi all'uomo.

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i nuovi sistemi di autenticazione si preoccupano più della nostra identità virtuale che di quella reale. L'allarme dei ricercatori.

Uomini e donne: cervello e sincronia

Uomini e donne: cervello e sincronia

La cooperazione tra uomini e donne non è un'utopia. Lavorare insieme si può ma con strategie diverse: non c'è sincronia tra il cervello di lui e quello di lei.

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Nuove speranze per l’Alzheimer: il trapianto di cellule staminali neurali da cervello giovane a cervello invecchiato potrebbe rallentare il declino cognitivo.

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

La sindrome di Lazzaro è un fenomeno, riconosciuto dalla comunità scientifica, che provoca il risveglio inspiegabile di pazienti morti per infarto.

Il Big Bang e la nascita dell'Universo - Sergio Rossi (recensione)

Il Big Bang e la nascita dell'Universo - Sergio Rossi - recensione

"Il Big Bang e la nascita dell'Universo" (Edizioni EL, collana "Che storia!") spiega gli affascinanti misteri dell'astronomia ai più piccoli.

I segnali dell'attrazione: collo, capelli, spalle

Il collo, i capelli e le spalle sono i "mezzi" coinvolti nei momenti di seduzione, le parti del corpo che lanciano inconsapevoli messaggi di attrazione.

Fisica e medicina, quale affinità? Intervista a Angela Coniglio, fisico medico

Fisica e medicina, quale affinità? Intervista a Angela Coniglio, fisico medico

La dott.ssa Coniglio, dirigente presso ASL Roma1, rivela la figura del fisico medico, un professionista che lavora dietro le quinte per la nostra salute

Istinto: quanto ci influenza

Istinto: quanto ci influenza

Voglia di schiaffeggiare qualcuno e farfalle nello stomaco se siamo innamorati: cosa succede al nostro cervello quando l'istinto prende il sopravvento?

Gravidanza over 35: il cervello ringrazia

GRAVIDANZA OVER 35: IL CERVELLO RINGRAZIA

La gravidanza dopo i trentacinque anni rende le donne più intelligenti in tarda età: il merito è degli ormoni sessuali, un toccasana per il cervello.

Vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

I no-vax sono convinti che i vaccini siano dannosi e causino malattie gravi. La scienza smonta le bufale: ecco perché è indispensabile vaccinarsi.

Accavallare le gambe

accavallare le gambe

Accavallare le gambe può indicare dimostrazione di forza o interesse/disinteresse verso l'altro.