Quanti neuroni abbiamo?

 Il corpo umano è un abisso di misteri e capacità straordinarie che spesso possono essere tradotte in numeri. Ad esempio, quanti neuroni ci sono nel sistema nervoso? Secondo la scienza abbiamo 100 miliardi di neuroni che corrispondono, con buona approssimazione, al numero di stelle della nostra galassia. Ogni neurone è sostenuto da cellule gliali, cellule nervose che ne garantiscono sostegno e sopravvivenza. Sono presenti in media 5 cellule gliali per ogni neurone.

 

I neuroni non sono distribuiti in maniera uniforme nel cervello: l'emisfero sinistro possiede infatti 186 milioni di neuroni in più rispetto a quello destro.

 

Durante la gravidanza nascono 250mila neuroni al minuto: una velocità di duplicazione impressionante che rende possibile lo straordinario sviluppo del feto.

Sinapsi cerebrali: quante sono?

Le sinapsi sono le zone di contatto tra un neurone e l'altro. Esse rappresentano l'unità fondamentale della trasmissione delle informazioni nel cervello: ogni neurone rilascia nello spazio sinaptico delle molecole (neurotrasmettitori) che agiscono sui recettori di altri neuroni con un meccanismo del tipo chiave-serratura. Ogni volta che un neurotrasmettitore si lega al recettore di un neurone "ricevente", vengono attivate delle reazioni chimiche che danno il via all'impulso elettrico cioè il segnale che è alla base della comunicazione neuronale.

 

Ma quante sinapsi sono presenti nel cervello? È impossibile stabilirlo con esattezza: le sinapsi possono essere definite elementi dinamici poiché aumentano ogni qualvolta apprendiamo compiti o informazioni nuove. Non solo. Quando eseguiamo un compito più volte (ad esempio imparare a suonare uno strumento musicale o ad andare i bici) le stesse sinapsi vengono utilizzate più volte quindi si rafforzano rendendo quindi il ricordo e l'apprendimento più stabile e duraturo.

Una stima numerica del numero di sinapsi può essere determinata sul singolo neurone: si calcola che siano presenti 100mila sinapsi per ogni cellula nervosa. Un numero impressionante.

[Ti consiglio anche: l'ippocampo e la formazione dei ricordi]

Velocità di trasmissione sinaptica e capacità di calcolo: il cervello non teme Ferrari e computer

Ancor più impressionante è la velocità di trasmissione dell'impulso elettrico: l'informazione nel cervello può raggiungere i 430 km orari determinando la formazione di oltre 70mila pensieri al giorno.

 

Confrontando la distanza sinaptica, il numero di sinapsi e il livello di output delle informazioni, gli esperti sono stati in grado di dare una buona stima della capacità di calcolo del nostro cervello: 10 milioni di miliardi di operazioni al secondo. Una cifra incredibile ma documentata e riferita da Raph C. Merkle, membro della Singularity University (USA).

 

Un'ultima curiosità: l'impressionante numero di impulsi elettrici che viaggiano continuamente attraverso il cervello generano 25 watt di energia, l'equivalente necessario ad accendere una lampadina. Sarà per questo che l'intuizione è spesso rappresentata graficamente con una lampadina accesa?

 

Per altre curiosità sul cervello, clicca qui: quanto pesa il cervello?

Déjà-vu: i misteri del cervello

Per conoscere il cervello in maniera divertente: inside out, il film d'animazione che spiega il cervello a grandi e piccini

 

 

Istinto: quanto ci influenza

Istinto: quanto ci influenza

Voglia di schiaffeggiare qualcuno e farfalle nello stomaco se siamo innamorati: cosa succede al nostro cervello quando l'istinto prende il sopravvento?

La scatola magica - Cerasa-Tomaiuolo - Recensione

La scatola magica - Cerasa-Tomaiuolo - recensione

"La scatola magica" è un saggio scritto da Antonio Cerasa e Francesco Tomaiuolo, curato da M. Temporelli e edito da Hoepli (marzo 2019).

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

L’obesità infantile è un problema sempre più urgente: consigli e regole dagli esperti per promuovere la cultura della sana alimentazione sin da piccoli.

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Starnuti e naso chiuso al mattino, sintomi spesso dovuti all'allergia agli acari della polvere. Vediamo di cosa si tratta e soprattutto come rimediare.

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Come migliorare le capacità di problem solving: la scienza consiglia di puntare sull'intuizione più che sull'analisi e concedersi il giusto tempo di riposo.

Vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

I no-vax sono convinti che i vaccini siano dannosi e causino malattie gravi. La scienza smonta le bufale: ecco perché è indispensabile vaccinarsi.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

L'amore parte dal cervello

L'amore parte dal cervello

Innamorarsi parte dal cervello: la scintilla dell'amore impiega solo duecento millisecondi ad attivare le reazioni che sconvolgono dentro di noi mente e cuore.

Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: un atto di amore che nasconde lo zampino dell'evoluzione. Ecco come la scienza spiega gli obiettivi inconsci dell'affinità verso il partner.

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

Sguardo languido e sguardo penetrante: quando c'è di mezzo l'attrazione, uomini e donne sfoderano le proprie armi per sedurre. Conoscerle per riconoscerle.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

Come prevenire l'invecchiamento cerebrale

L’invecchiamento cerebrale si combatte in anticipo: sin da bambini è possibile potenziare il cervello aumentando lo spessore della corteccia cerebrale.